Terremoto, al lavoro per ricostruire 5 scuole in Umbria

Terremoto, al lavoro per ricostruire 5 scuole in Umbria

Domani scadono i termini per gli appalti | Interventi per oltre 17 milioni tra Perugia, Foligno, Spoleto e Bastardo

Si entra nel vivo per la ricostruzione in Umbria di 5 scuole gravemente danneggiate dalle scosse di terremoto e dichiarate totalmente inagibili. Si tratta dei plessi scolastici – situati a Perugia, Foligno, Spoleto e Giano dell’Umbria – individuati già nei mesi scorsi dal commissario straordinario Vasco Errani e finanziati con i fondi della ricostruzione che dovrebbero essere pronti per anno nuovo (dalla realizzazione ipotizzata entro settembre 2017 si è più di recente parlato di una conclusione dei lavori più probabile entro gennaio).

In tre casi le vecchie scuole (o le parti di esse danneggiate dal sisma) sono state già demolite ed ora dovranno essere ricostruite: si tratta della media Carducci – Purgotti a Perugia, della parte in muratura della media Carducci di Foligno e della scuola elementare di Bastardo di Giano dell’Umbria. Diversa invece la situazione dei due plessi interessati a Spoleto, la materna Prato Fiorito e la media Dante Alighieri: le strutture inagibili rimarranno al loro posto, mentre verrà realizzato ex novo un polo scolastico nella zona di San Paolo, vicino al convitto dell’istituto alberghiero.

Articolo correlato: Terremoto, da Errani sì a 25 nuove scuole | Saranno pronte a settembre, la mappa

Dopo che i Comuni hanno provveduto ad inviare tutta la documentazione necessaria alla struttura del commissario straordinario e ad effettuare le analisi geologiche dei terreni individuati, ora è stata avviata la procedura del primo gruppo di scuole distrutte. Il commissario straordinario Vasco Errani fa infatti sapere che è stata completata la progettazione definitiva dei plessi scolastici a cura della struttura commissariale per la ricostruzione in collaborazione con Invitalia. Ed è online “l’avviso esplorativo per la formazione di un elenco di esecutori interessati alla realizzazione delle opere di edilizia scolastica di cui all’ordinanza commissariale 14 del 16 gennaio 2017”. In pratica un avviso rivolto ad aziende ed imprese artigianali interessate a partecipare alla costruzione dei plessi scolastici individuati da Errani. Una procedura molto rapida, visto che il termine per presentare domanda scade domani, 21 aprile.

Gli interventi – viene spiegato – verranno realizzati previo affidamento di appalti che comprendono la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori. L’affidamento dei lavori alle imprese avrà luogo attraverso la formula della procedura negoziata, disciplinate dall’Ordinanza a firma del commissario Errani 14/2017, dall’Ordinanza 18/2017 e dal ‘Codice dei Contratti’ (articolo 63, comma 1 e comma 6, del D.Lgs. 50/2016). Le Procedure Negoziate verranno indette e gestite, per conto del Commissario straordinario di Governo, da parte di Invitalia che svolgerà la funzione di centrale unica di committenza con la sorveglianza dell’Anac (come da accordo sottoscritto il 28 dicembre 2016).

Nel dettaglio, per la scuola elementare di Bastardo, l’importo presunto dei lavori, compresi gli oneri per la sicurezza, è di 2.230.514,50 euro; per la porzione in muratura della scuola media Carducci di Foligno 3.765.411,97 euro; per la media Carducci – Purgotti di Perugia 4.450.500 euro; per le scuole media Dante Alighieri e materna Prato Fiorito di Spoleto, invece, in totale 6.932.430 euro.