Stirati e Tasso al canile di Ferratelle, appello all’adozione | “Migliorare condizioni struttura”

Stirati e Tasso al canile di Ferratelle, appello all’adozione | “Migliorare condizioni struttura”

Sindaco e assessore insieme per far conoscere il Canile comprensoriale e sensibilizzare opinione pubblica sugli interventi per poter migliorare le condizioni degli animali accolti

 Il sindaco di Gubbio Filippo Mario Stirati e l’assessore Alessia Tasso hanno partecipato, nei giorni scorsi, ad un’iniziativa pubblica per far conoscere la struttura del Canile comprensoriale in località Ferratele, e sensibilizzare l’opinione pubblica sugli interventi necessari per poter migliorare le condizioni degli animali accolti, in particolare per mitigare il freddo invernale per i cani ospitati.

Sindaco e assessore hanno incontrato gli organizzatori dell’evento, le associazioni ‘Animal Mind Italia’, ‘Enpa’ delegazione di Gubbio, ‘Gentle Team’. Erano presenti, inoltre, rappresentanti dell’Asl Umbria n.1 e dell’attuale gestore, la Comunità Montana Alta Umbria, in regime commissariale. “La finalità di questa struttura dovrebbe essere quella di uno stallo temporaneo in attesa di adozione – hanno sottolineato Stirati e Tasso – ma troppo spesso non è così, e i cani permangono a lungo in uno spazio che, pure con tutte le migliorie, risulterà sempre inadatto rispetto ad una famiglia. Perciò è fondamentale l’adozione: chi cerca un animale domestico è importante che si rivolga al canile, dove troverà sicuramente quello che desidera e compirà un gesto umanitario. Da parte nostra cercheremo di mettere in campo tutti gli interventi possibili per migliorare la struttura, che riesce ad ospitare e seguire tanti animali grazie all’impegno di tanti volontari e associazioni”.

Contiamo su un ampio sostegno – commentano gli organizzatori dell’inizitiva pubblica – e sulla partecipazione e sulla sensibilità di tutti, per far conoscere le reali condizioni del Canile e dei suoi ospiti, sperando di promuoverne maggiori adozioni e migliorare, nel contempo, la qualità della permanenza. Fra le altre necessità, servono fondi per la realizzazione di un impianto di climatizzazione nei box. Infatti freddo e umidità creano notevoli disagi alle povere creature ospitate nella struttura e stare con le zampe sempre bagnate provoca infezioni e micosi. Frequentemente i cani scivolano riportando in alcuni casi delle ferite”.

La giornata, dopo la visita al canile, e una parte pratica per la gestione dei cani da parte delle istruttrici cinofile dell’associazione ‘Gentle Team’, è proseguita nel pomeriggio presso l’hotel Beniamino Ubaldi, dove dopo il saluto dell’assessore Tasso, sono state illustrate le normative regionale sulla lotta al randagismo e sul benessere animale, a cura di Ernesta Cambiotti, presidente associazione ‘Animal Mind Italia’ e coordinatrice regionale del nucleo di guardie Zoofile N.O.G.E.Z. e di Maria Rita Bonci, veterinaria Asl 1, responsabile del Canile Sanitario. E’ stata inoltre illustrata una parte teorica, a cura delle istruttrici cinofile Sara Mancini e Clara Gregori.

Stampa