Costruire, ampliare e mettere a norma impianti sportivi del territorio della provincia di Perugia a costi minori rispetto a quelli di mercato. Da oggi sarà più facile grazie all’accordo tra Provincia di Perugia, CONI e Istituto per il Credito Sportivo. I tre organismi hanno, infatti, siglato stamani in Provincia di Perugia, Sala Pagliacci un protocollo d’intesa che consente di concedere mutui ad Enti Pubblici e privati finalizzati a questo scopo.

La cifra in totale messa a disposizione dal Credito sportivo è di 10 milioni di euro che potranno essere utilizzati sia da soggetti pubblici come Comuni o istituzioni che da privati che intendessero realizzare ex novo impianti sportivi o procedere alla messa a norma o manutenzione degli stessi. Per l’amministrazione provinciale la ragione ispiratrice dell’accordo (che in realtà è un rinnovo) è migliorare la qualità urbana ed accrescere la rete dei servizi a disposizione dei cittadini, programmando una serie di interventi tesi ad incrementare e migliorare l’impiantistica sportiva nell’ambito del proprio territorio. Con il protocollo il Coni si impegna a fornire, tramite i propri servizi ed i propri organi periferici, la consulenza tecnica ai fini della programmazione degli interventi, nonché della progettazione degli impianti. La Provincia, oltre ad usufruire delle condizioni previste nel Protocollo d’Intesa in qualità di mutuatario per interventi relativi ad impianti sportivi, svolgerà anche un ruolo di coordinamento e di programmazione degli interventi nei confronti dei soggetti.

Alla firma erano presenti l'assessore provinciale al turismo e sport Roberto Bertini, il presidente CONI sezione di Perugia Domenico Ignozza e Roberto Valeri  dell'Istituto per il Credito Sportivo. “In questi tempi di crisi il poter disporre di questa cifra considerevole è di impulso alla realizzazione di impianti nel territorio. Si tratta di una proposta concreta poiché i denari già ci sono. L’iter è il seguente – spiega l’assessore –, ci si rivolge alla Provincia per la domanda, dopodiché interviene il CONI che dovrà esprimere il parere vincolante, e in caso fosse positivo, ci si rivolge al credito sportivo per il prestito”.