Spoleto, iscrizione nelle Liste di Leva della classe 2001

Spoleto, iscrizione nelle Liste di Leva della classe 2001

I genitori e tutori dei giovani hanno l’obbligo di curarne l’iscrizione

Il sindaco, visto il Decreto Legislativo del 15 marzo 2010, n. 66 (“Codice dell’ordinamento militare), rende noto che nel mese di gennaio 2018 i giovani di sesso maschile, che nello stesso anno 2018 compiano il diciassettesimo anno di età, hanno il dovere di farsi inserire nella lista di leva del Comune in cui sono legalmente domiciliati. I genitori e tutori dei giovani hanno l’obbligo di curarne l’iscrizione nella sopraccitata lista.

Secondo l’articolo 1933 del suddetto decreto legislativo,

“1. Sono considerati legalmente domiciliati nel comune:

a) i giovani dei quali il padre, o, in mancanza del padre, la madre o il tutore, abbia domicilio nel comune, nonostante che essi dimorino altrove, siano assenti, espatriati, emancipati, detenuti o figli di un espatriato, o di un militare in effettivo servizio o prigioniero di guerra che abbia avuto l’ultimo domicilio nel comune;

b) i giovani coniugati, il cui padre, o, in mancanza del padre, la madre, abbia domicilio nel comune, salvo che giustifichino di aver legale domicilio in altro comune;

c) i giovani coniugati domiciliati nel comune sebbene il padre o, in mancanza di questo, la madre, abbia domicilio altrove;

d) i giovani nati, domiciliati o dimoranti nel comune, che siano privi di padre, madre e tutore;

e) i giovani nati o residenti nel comune che, non trovandosi compresi in alcuno dei casi di cui alle precedenti lettere da a) a d), non giustifichino la loro iscrizione in altro comune.

2. Agli effetti dell’iscrizione sulle liste di leva è considerato domicilio legale del giovane nato o dimorante all’estero il comune dove egli o la sua famiglia sono da ultimo domiciliati nel territorio della Repubblica; ovvero, quando ciò non sia possibile precisare, il comune designato dallo stesso giovane; ovvero, in mancanza di detta designazione, il comune di Roma.

Stampa