Sir Perugia ricevuta in Regione e in Comune “Orgoglio dell’Umbria” | Foto

Sir Perugia ricevuta in Regione e in Comune “Orgoglio dell’Umbria” | Foto

Marini “Ora tutti intorno ad un tavolo per gli interventi sull’impiantistica sportiva” | Romizi “I risultati straordinari ottenuti da questa squadra ci impongono di continuare a lavorare per il futuro”

Siate ambasciatori privilegiati di Perugia e dell’Umbria nel mondo. Il vostro successo ci rende orgogliosi e tutta la comunità umbra festeggia per questo grandissimo successo”. Così la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha salutato questa mattina nel Salone d’Onore di Palazzo Donini a Perugia, atleti, tecnici e dirigenti della squadra Sir Safety Conad Perugia, vincitrice del Campionato italiano di volley, guidati dal presidente Gino Sirci e dall’allenatore Lorenzo Bernardi.

Alla piccola cerimonia erano presenti anche la presidente dell’Assemblea Legislativa, Donatella Porzi, il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, il vicepresidente ed assessore allo sport della Regione Umbria, Fabio Paparelli e l’assessore regionale Antonio Bartolini.

“Festeggiamo oggi – ha detto la presidente Marini – proprio nel giorno in cui l’Italia celebra l’Europa, oltre a ricordare la grande figura di Aldo Moro. E festeggiamo una vittoria, che non è soltanto sportiva, dell’Umbria. Una piccola città come Perugia ed una piccola regione come la nostra, grazie alla Sir Safety Conad, sono ai vertici nazionali. Ed in questo successo – ha aggiunto la presidente – i meriti vanno attribuiti a tutte le componenti di questa meravigliosa squadra, dal presidente Sirci fino alla splendida tifoseria che ha accompagnato e sostenuto giocatori e tecnici. Le Istituzioni sono state vicine alla società e continueremo anche per il futuro. Subito dopo aver ‘smaltito’ l’euforia dei festeggiamenti – ha concluso la presidente Marini – ci metteremo intorno ad un tavolo, Regione Comune e Società, per programmare quegli interventi, penso ovviamente soprattutto all’impiantistica, che potranno consentire la continuazione di questo sogno. Al termine della cerimonia la presidente Marini e la presidente Porzi hanno fatto omaggio a dirigenti, tecnici ed atleti della Sir Safety Conad di un piccolo e significativo ricordo dell’Umbria.

La delegazione della Sir si è poi spostata al Comune di Perugia, dove è stata ricevuta dal sindaco Romizi, dal vice sindaco Barelli, dagli assessori Casaioli, Fioroni, Calabrese, Wagué, dal presidente del Consiglio Varasano e dai consiglieri Pastorelli, Pittola, Leonardi, Arcudi e Rosetti.

“Ci tenevamo come Amministrazione – ha detto il sindaco – a rivolgere un ringraziamento al presidente Sirci, allo staff societario, al coach Bernardi ed a tutti i giocatori per il grande lavoro svolto che ha permesso alla Sir di conquistare tutto quanto era possibile a livello italiano nella stagione 2017-2018. Ora l’obiettivo si sposta sull’appuntamento internazionale che vi attende nel prossimo fine settimana. Sappiate che c’è una città intera che si è innamorata di voi e che, grazie a voi, si è innamorata della pallavolo”.

Romizi ha informato i presenti di avere già concordato alcuni incontri con il presidente Sirci per pianificare le iniziative future: “i risultati straordinari ottenuti da questa squadra ci impongono di continuare a lavorare per il futuro e per migliorarci ancora e noi lo faremo volentieri”.

Il presidente della Sir Safety Conad Gino Sirci ha manifestato la soddisfazione della società per il fatto di essere ospitata nella sala dei Notari: “per noi è un grande onore essere qui dove nei secoli sono passati tutti i “grandi” della città. Ciò significa che anche noi, nel nostro piccolo, siamo riusciti a scrivere un pezzo della storia della città”.

Al termine dei saluti lo scambio di doni: il sindaco ha voluto regalare a tutti i giocatori la spilla con l’effige del Grifo, simbolo di Perugia, “con l’auspicio che tutti voi possiate sentire sempre più vivo il senso di appartenenza alla città. Perché un dato è certo: con questi risultati avete davvero scritto la storia e l’eco delle imprese compiute riecheggerà per sempre in questa sala”.

L’aspetto che voglio evidenziare in primo luogo, allacciandomi al discorso della Presidente Marini, – ha detto invece Gino Sirci – è che chi ci rappresenta oggi tutti i giorni è il nostro pubblico, la vera essenza di Perugia e dell’Umbria. Gente seria, rispettosa, appassionata, quello che ci vuole davvero come movimento dietro una grande squadra e, aldilà delle tre coppe che oggi sono in questa sala, il nostro vero tesoro è il grande seguito che abbiamo. Poi ovviamente siamo orgogliosi di essere qui con queste tre coppe, felici perché quest’anno Perugia ha vinto tutto, perché Perugia regna, perché Perugia è campione d’Italia dopo un anno sempre al comando, dimostrando di essere la più forte d’Italia. Grazie a questi ragazzi, noi siamo orgogliosi di voi, le istituzioni di Perugia e dell’Umbria sono orgogliose di voi”.

Per i ragazzi del presidente Gino Sirci e del coach Lorenzo Bernardi si tratta del primo titolo nazionale della storia del sodalizio perugino, ma, altresì, del terzo trofeo stagionale dopo la Supercoppa e la Coppa Italia. Ora l’attenzione è tutta concentrata sulla final four di Champions League, in programma il 12 e 13 maggio a Kazan in Russia: in semifinale la Sir Safety Conad dovrà vedersela proprio con i padroni di casa del Kazan, mentre nell’altra semifinale Civitanova affronterà Zaksa-Kedzierzyn-Kozle, formazione polacca di coach Andrea Gardini.

Stampa