Sir Perugia è Campione d’Italia, l’Umbria sulla vetta del Volley | Marini “Sogno che diventa realtà”

Sir Perugia è Campione d’Italia, l’Umbria sulla vetta del Volley | Marini “Sogno che diventa realtà”

Gara 5 mozzafiato, dove psicologia ed errori incidono più della tecnica | Sir guadagna il primo scudetto della sua storia | Commenti e aggiornamenti


Perugia esplode letteralmente al PalaEvangelisti per lo storico risultato del volley umbro. La Sir Safety Perugia batte la Lube Civitavecchia  3-0 in Gara 5 valevole per il titolo di Campioni d’Italia della Pallavolo. L’Umbria e Perugia sulla vetta della Pallavolo nazionale.

Uno scontro dove l’aspetto tecnico individuale e di squadra non ha più nulla da dire a nessuno, come dicono gli stessi allenatori (Medei e Bernardi) delle due contendenti prima della partita. Conta invece in maniera determinante l’aspetto psicologico e la capacità di concentrazione per non fare errori. E sono proprio questi ultimi che determinano le sorti del match. Errori di battuta, invasioni e molte ricezioni  sbagliate,  portano fuori pista la Lube e consentono ai Sirmaniaci di vincere con  sicurezza la “partita delle partite”.

Presidente Regione: “Sogno che diventa realtà” | Plauso del Comune

Un sogno che diventa realtà. Una grande e bellissima vittoria per Perugia e per tutta l’Umbria. Davvero una giornata di gioia e storica per tutto lo sport umbro”. Con queste parole la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha commentato la vittoria dello “scudetto” da parte della Sir Volley Perugia che ha conquistato oggi a Perugia, al Palaevangelisti, per la prima volta il titolo di Campione d’Italia, battendo la squadra della Lube Civitanova.  “Ho assistito alla gara – ha aggiunto Marini – ed ho provato una emozione straordinaria. Questo storico risultato rappresenta prima di tutto il giusto riconoscimento al grande lavoro degli atleti e dell’allenatore cui vanno le mie più sincere congratulazioni. Splendido anche il pubblico che ha da sempre sostenuto con entusiasmo e generosità la squadra”. La presidente Marini, infine, ha voluto rivolgere un “ringraziamento davvero particolare e affettuoso a Gino Sirci”, il presidente della società Sir Volley Perugia, ed un “riconoscimento va anche agli sponsor che hanno creduto e sostenuto la società”.

Grande la soddisfazione anche del Comune di Perugia. “Vogliamo rivolgere un grande applauso a tutto lo staff della Sir Safety Conad, alla società, al presidente Sirci, al coach Bernardi ed a tutti i giocatori – evidenzia una nota dell’Amministrazione comunale – per questa storica impresa che mancava a Perugia da tempo e che riporta la nostra città ai vertici della pallavolo nazionale. Questa vittoria, largamente meritata, è motivo di grande orgoglio per tutta la città ed è frutto dello straordinario impegno di un gruppo eccezionale e dell’attenta programmazione di una società che ha saputo negli anni costruire una macchina perfetta. Da ultimo, ma non per ultimo, un plauso va rivolto a tutti quegli incredibili tifosi che sia oggi che nel corso del campionato hanno sostenuto a gran voce la squadra, dimostrandosi un vero e proprio settimo uomo in campo. Sicuramente i tifosi perugini, tra i più corretti ed appassionati d’Italia, hanno confermato oggi per l’ennesima volta di aver meritato insieme ai propri idoli il titolo di campioni d’Italia”.

Clicca qui per le foto del match

AGGIORNAMENTO h 22,17-

La storia siamo noi!

Sono le 19:49 di domenica 6 maggio 2018, Ivan Zaytsev mette a terra il punto dell’apoteosi!

La Sir Safety Conad Perugia è campione d’Italia e porta la pallavolo maschile perugina lassù dove non era mai arrivata nella sua storia sportiva!

È un tripudio, che andrà avanti per tutta la notte, di canti, abbracci, cori, sorrisi, anche lacrime perché oggi è giusto così! Il presidente Sirci, il vero artefice di tutto questo, è un fiume in piena, sommerso dalla folla in delirio.

Lorenzo Bernardi, il condottiero di questa armata, sale sul seggiolone del primo arbitro, come fece 28 anni fa a Rio de Janeiro quando con la nazionale italiana vinse il primo oro mondiale.

I Block Devils in campo impazziscono di gioia, correndo all’impazzata per il campo.

I Sirmaniaci e tutto il palazzetto si lasciano andare, perché  dopo due finali perse due e quattro anni fa, stasera finalmente è la loro sera!

Super Perugia, grande Perugia, immensa Perugia! È triplete, dopo le vittorie in Supercoppa e Coppa Italia. È una gioia incredibile, è il coronamento di una lunga rincorsa che in pochi anni ha portato la pallavolo maschile della città in cima all’Everest!

Prima una gara 5 tirata, combattuta, dove il cuore dei nostri ragazzi ha vinto su tutto, dove la generosità dei Block Devils è stata più forte di tutto.

Non staremo a raccontare un match splendido per intensità e qualità. Non stasera. Stasera si fa festa perché la notte, quella perugina, andrà avanti per parecchie ore!

Regniamo con diritto! Anzi, parole del presidente Sirci, spadroneggiamo con diritto!

Perché siamo campioni d’Italia!

IL MATCH

Formazione tipo per Bernardi al via. Primo break degli ospiti con l’errore di Russell (2-4). +3 Lube con il punto di Sokolov (4-7). Perugia accorcia con l’ace di De Cecco (6-7) e trova la parità con il contrattacco di Atanasijevic (8-8). Muro di Sokolov, ace di Christenson e Civitanova torna avanti (8-11). Perugia non riesce a ricucire (12-15). Il muro di Anzani riporta a contatto i suoi (17-18), l’ace successivo di Atanasijevic pareggia (18-18). Sorpasso bianconero con il doppio ace di Russell, il primo con l’aiuto del nastro (21-19). Anzani e Podrascanin mantengono il vantaggio (23-21). Due set point per la Sir con la pipe di Russell (24-22). Chiude sempre Russell (25-22).

Avvio fulminante della Lube in avvio (3-7). Dentro Berger. Il muro di Podrascanin dimezza (5-7). A segno a muro anche Atanasijevic che poi mette il contrattacco del pareggio (8-8). Tornano avanti gli ospiti con Sokolov (9-11). Il muro di Anzani impatta nuovamente (12-12). Invasione Lube e Perugia va avanti (13-12). Torna su Civitanova con Kovar e l’ace di Stankovic (14-16). Ace di Berger ed ennesima parità (16-16). Fuori Sokolov (17-16). Il muro di Podrascanin e poi il contrattacco di Zaytsev (20-17). Ace di Anzani (21-17). Juantorena accorcia (21-19). A segno Atanasijevic (22-19). Smash di Stankovic, Lube a -1 (22-21). Invasione di Juantorena (23-21). Sokolov in diagonale (23-22). Incomprensione nella metà campo di Civitanova, due set point Sir (24-22). Fuori il servizio di Podrascanin (24-23). Chiude Atanasijevic (25-23).

Bell’avvio di Perugia con Atanasijevic e Berger incisivi (6-2). Contrattacco vincente di Zaytsev (8-3). Kovar e Sokolov accorciano (8-6). Ace di Kovar (9-8). Perugia riparte con il muro dello Zar (11-8). Podrascanin mantiene il vantaggio (13-10). Muro vincente di Berger (14-10), poi quello di Kovar (14-12). In rete il servizio del neo entrato Sander (18-15). Muro di Candellaro e Lube a -1 (18-17). Il muro di Podrascanin (19-17). Fuori Juantorena (20-17). Berger a segno (21-18). Sokolov e Kovar rimettono tutto in equilibrio (21-21). Atanasijevic fa girare Perugia (22-21). Punto di Kovar (22-22). Anzani in primo tempo (23-22). Ancora Kovar (23-23). Fuori Anzani, set point Lube (23-24). In rete il servizio di Sokolov, si va ai vantaggi (24-24). Cester in primo tempo (24-25). Zaytsev risolve una situazione complicata (25-25). Ancora lo Zar in contrattacco, match point Perugia (26-25). Lo Zar! Perugia è campione d’Italia. (27-25)

I COMMENTI

Massimo Colaci (Sir Safety Conad Perugia): “È una cosa incredibile l’entusiasmo che c’è. Sono strafelice. Quando sono arrivato a Perugia avevo detto che mi sarebbe piaciuto essere il primo a conquistare qui lo scudetto e insieme a questa grandissima squadra ci siamo riusciti”.

Simone Anzani (Sir Safety Conad Perugia): “Questa è una grande vittoria fortemente voluta anche se forse ad inizio stagione non tutti ci credevano. Dalla Supercoppa abbiamo dimostrato di avere la nostra identità e abbiamo iniziato ad impensierire le altre squadre. Devo fare i complimenti alla Lube che è una grande squadra e ci ha portati fino a questa gara 5. Sarebbe davvero bello ritrovarsi la prossima settimana in un’altra finale, questa volta europea”.

IL TABELLINO

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 3-0

Parziali: 25-22, 25-23, 27-25

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco l, Atanasijevic 17, Podrascanin 5, Anzani 7, Zaytsev 10, Russell 6, Colaci (libero), Cesarini, Berger 6, Shaw. N.e.: Della Lunga, Ricci, Andric. All. Bernardi, vice all Fontana.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Christenson 4, Sokolov 18, Stankovic 5, Cester 3, Kovar 14, Juantorena 10, Grebennikov (libero), Candellaro 1, Zhukouski, Sander 1, Casadei. N.e.: Marchisio, Milan, Storani (libero). All. Medei, vice all. Camperi.

Arbitri: Roberto Boris – Daniele Rapisarda

LE CIFRE – PERUGIA: 10 b.s., 8 ace, 44% ric. pos., 22% ric. prf., 48% att., 8 muri. CIVITANOVA: 16 b.s., 4 ace, 32% ric. pos., 21% ric. prf., 56% att., 7 muri.

 

Stampa