Siccità, riconosciuto lo stato di emergenza in Umbria e Lazio

Siccità, riconosciuto lo stato di emergenza in Umbria e Lazio

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato la dichiarazione per consentire la straordinaria gestione della crisi di approvigionamento idrico

Il Consiglio dei Ministri che si è riunito oggi pomeriggio, lunedì 7 agosto, a Palazzo Chigi ha deliberato la dichiarazione dello stato di emergenza nel territorio delle Regioni Lazio e Umbria, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, per consentire alla Protezione Civile di fronteggiare con mezzi e poteri straordinari l’emergenza che si è determinata a seguito della crisi di approvvigionamento idrico in atto.


>> Siccità, in Umbria al 31 luglio danni per 4 milioni di euro | La posizione della CIA

>> Siccità, in arrivo da Regione Umbria misure straordinarie per danni


Stampa