“Settimana del Cervello”, dal 12 al 16 marzo incontri e screening gratuiti

“Settimana del Cervello”, dal 12 al 16 marzo incontri e screening gratuiti

Presentata a Perugia la terza edizione del “Brain Awareness Week – Umbria” | Convegni, seminari, open-day, laboratori ed esperienze pratiche interamente gratuiti


Ogni anno in occasione della Brain Awareness Week (BAW), campagna mondiale no profit per la celebrazione del cervello promossa dalla Dana Alliance for Brain Initiatives, molti esperti professionisti nel settore delle neuroscienze si mobilitano allo scopo di divulgare e promuovere la conoscenza sulle tematiche riguardanti il cervello.

L’obiettivo comune è quello di stilare un calendario internazionale condivisibile comprendente interventi, open-day, screening, laboratori ed esperienze pratiche interamente gratuiti rivolti a tutta la popolazione per far conoscere l’organo a oggi più studiato e meno conosciuto. Il fine ultimo è quello di rendere fruibili tali conoscenze per promuovere delle ‘buone pratiche’ e uno stile di vita sano in un ottica di prevenzione intergenerazionale. Da tutto questo nasce anche la “Brain Awareness Week Umbria” che per la terza edizione si svolgerà a Perugia e in altri luoghi della regione dal 12 al 16 marzo.

Giovedì 8 marzo, nella Sala Libreria di Umbrò a Perugia (main sponsor dell’iniziativa) si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della “Settimana del Cervello Umbria 2018”. Oltre a Corinna Bolloni (Psicologa – Ph.D – Partner Dana Foundation) e Majla Trovato (Psicologa -Psicoterapeuta della Gestalt in Formazione – Partner Dana Foundation), organizzatrici dell’evento che hanno illustrato programma e obiettivi dell’evento, sono intervenuti, tra gli altri, Guglielmo Sorci (Presidente CdS Scienze Motorie e Sportive – Unipg), Rosario F. Donato (Presidente Accademia Anatomico Chirurgica di Perugia), Rosella De Leonibus (Psicologa – Psicoterapeuta della Gestalt Espressiva), Stefania Palomba (Pedagogista – Brain Trainer – Criminologa), Fabio Gallina (Preside Istituto Comprensivo Perugia 5).

Il network creato nel 2016 tra Umbria, Puglia e Sicilia ha dato alla luce la piattaforma www.settimanadelcervello.it in cui poter condividere gli eventi della BAW e ha permesso a molti altri professionisti di inserirsi nel progetto proponendo l’iniziativa all’interno delle loro realtà  territoriali creando nuove sinergie.

La campagna, giunta alla sua terza edizione in Umbria, è patrocinata dalla Regione Umbria, dall’Assemblea legislativa regionale, Comune di Perugia, Comune di Trevi, Ordine degli Psicologi dell’Umbria, Università degli Studi di Perugia, Scuola di Specializzazione in Psicoterapia della Gestalt Espressiva (IPGE), Accademia Anatomico-Chirurgica di Perugia, Usl Umbria2.

Dopo la grande partecipazione della popolazione umbra negli anni passati, la III edizione della ‘Brain Awareness Week Umbria’ si svolgerà dal 12 al 16 marzo e sotto l’organizzazione e il coordinamento della Dr.ssa Corinna Bolloni e della Dr.ssa Majla Trovato, psicologhe esperte in Neuropsicologia e partner ufficiali della Dana Foundation, ente no profit promotore dell’evento a livello mondiale da oltre 20 anni.

La settimana si aprirà il 12 marzo con la giornata Inaugurale dal titolo “Tu chiamale se vuoi emozioni. Dalla Teoria alla Pratica’’ organizzata in collaborazione con il prof. Guglielmo Sordi, Presidente del CdS in ‘Scienze Motorie e Sportive’ e con l’Università degli Studi di Perugia e che avrà luogo presso l’Aula Magna della Scuola Interdipartimentale di Medicina e Chirurgia. Nei giorni a seguire convegni, seminari, open-day e laboratori teatrali interamente gratuiti proposti da professionisti della salute in un’ottica di compartecipazione multi professionale.

Gli eventi avranno luogo a Perugia e in tutto il territorio umbro con prevalenza nella provincia di Perugia. Il tema della prevenzione e della promozione della salute è da sempre il filo conduttore della manifestazione e in virtù di tali principi durante tutta la settimana attraverso l’iniziativa ‘Studi Aperti’ si potrà richiedere appuntamento per usufruire di screening cognitivi gratuiti.

Stampa