Scomparsa di Lea Mattarella, il cordoglio della città di Spoleto

Scomparsa di Lea Mattarella, il cordoglio della città di Spoleto

Critica e storica dell’arte, nipote del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, aveva partecipato al Festival di Spoleto lo scorso luglio

Anche il Comune di Spoleto, nella persona del vicesindaco Maria Elena Bececco, ha voluto partecipare ai funerali di Lea Mattarella, rendendo omaggio alla critica d’arte scomparsa lo scorso 1 gennaio e le cui esequie si sono tenute stamani nella chiesa degli Artisti in piazza del popolo a Roma. Lea Mattarella era nipote del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, figlia di suo fratello Antonio.

“Abbiamo voluto portare un ultimo saluto – ha detto Maria Elena Bececco – a una studiosa dell’arte rigorosa e appassionata, che ha dedicato un impegno particolare a studiare il ruolo della donna nell’arte e nella società e il cui talento abbiamo potuto apprezzare in prima persona anche nell’ultima edizione del Festival di Spoleto in occasione della collaborazione con la Fondazione Carla Fendi per lo spettacolo “Genesi – Apocalisse”. La cultura italiana perde una donna di multiforme ingegno e di grande personalità”.

Lea Mattarella lo scorso 2 luglio 2017, aveva preso parte nel ruolo di conduttrice, alla presentazione dello spettacolo voluto dalla Fondazione Carla Fendi per introdurre la consueta mostra di grandi artisti internazionali che arricchisce il cartellone del Festival. In un Caio Melisso affollato come sempre di appassionati, la storica dell’arte dai modi pacati ed affabili aveva illustrato il lavoro degli artisti Sandro Chia, Saskia Boddeke e Peter Greenaway per la realizzazione della stupenda installazione Genesi-Apocalisse, introducendo poi per le loro riflessioni, il poeta e scrittore Erri De Luca e il filosofo Massimo Cacciari.


Festival Due Mondi, Genesi-Apocalisse l’ultimo regalo di Carla Fendi a Spoleto

Stampa