Santa Giuliana, un progetto da un milione di euro

Santa Giuliana, un progetto da un milione di euro

La riqualificazione della struttura sportiva avverrà in due tranche | A breve una nuova pista in grado di ospitare meeting nazionali ed internazionali


Un Santa Giuliana nuovo di zecca e in tempi brevi. Anzi, brevissimi, entro la fine dell’anno. Ad annunciarlo questa mattina è stato l’assessore allo sport Emanuele Prisco, nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato la dirigente Ivana Moretti, il presidente della Fidal Umbria Carlo Moscatelli e la rappresentante del Coni Laura Marchesini.

Il progetto

Entro pochi mesi lo storico stadio di Santa Giuliana verrà dotato di una nuova pista con omologazione di tipo B e, dunque, in grado di ospitare meeting nazionali ed internazionali.
La riqualificazione della struttura, per 1 milione di euro complessivo, è stata suddivisa in due parti: la prima (740mila euro) riguarderà prettamente la pista; la seconda (per 250mila euro circa) riguarderà gli altri servizi. Il milione di euro è finanziato per 500mila con fondi della Fondazione Cassa di Risparmio e per i restanti 500mila euro con oneri urbanistici connessi al progetto Decathlon.
Dopo tanti anni di disagi – ha spiegato l’assessore Prisco – non potevamo permetterci di lasciare il mondo dell’atletica nelle attuali condizioni né potevamo abbandonare una struttura storica della città, cui i perugini sono molto legati, preda del degrado

Step dopo step

Il primo stralcio dei lavori (che si concluderanno entro l’anno, ma con l’auspicio di anticipare i tempi ad ottobre-novembre) consisteranno: nel rifacimento del manto sintetico di usura (anello a sei corsie, pedane per: salto in alto, salto con l’asta , salto in lungo, lancio del giavellotto, che costituiscono la “pista di atletica). Il tutto mediante un insieme sistematico di opere volte alla ridefinizione delle quote, alla sistemazione delle canalette, ed al completo rifacimento del manto sintetico, nonché delle segnature e cordonature. Seguirà poi la demolizione delle recinzioni esistenti di bordo pista che risultano di tipologia ed altezza variabile infisse, in gran parte, su muretto di base ormai vetusto e fatiscente che verrà rimosso e non ricostruito poiché lo stesso non è più compitabile con le norme tecniche di cui alla Circolare Fidal 2015; poi la realizzazione di una fascia di rispetto esterna con allargamento dell’anello a 6 corsie, della larghezza compresa tra ml 1,20-1,30 rispetto all’attuale delimitazione, con finitura in mano sintetico. E ancora la realizzazione di una balaustra di bordo pista avente un’altezza pari a ml 1,20, così come previsto dalla vigente normativa CONI. Tale balaustra sarà installata in corrispondenza dei soli lati est e nor e il completamento della recinzione di coronamento della sommità del muro di delimitazione dell’impianto sportivo lato sud, in prossimità della curva della pista, prospiciente l’uscita della galleria di Via Orsini. Sarà garantita la massima accessibilità all’impianto per i portatori di handicap. Gli ulteriori e successivi interventi, relativi al secondo stralcio (250mila euro) riguarderanno invece la manutenzione straordinaria del nucleo servizi lato ovest, gli arredi per l’omologazione, la manutenzione straordinaria dell’illuminazione.

Stampa