Rivoluzione Ztl, la proposta dei cittadini “Scale mobili e parcheggi”

Rivoluzione Ztl, la proposta dei cittadini “Scale mobili e parcheggi”

La risposta al progetto dell giunta Romizi da parte del coordinamento delle associazioni per il centro storico

Utilizzare le scale mobili e i parcheggi a corona del centro storico nel tardo pomeriggio e la sera, dalle 19 alle 22. Questa la proposta del coordinamento per il centro storico del quale fanno parte le associazioni civiche e ambientaliste, singoli cittadini, residenti di Perugia alla rivoluzione Ztl annunciata dalla giunta Romizi.

Strisce blu e parcheggi, accordo da quasi 4 milioni di euro

In pratica – spiegano dal coordinamento – chi vorrà recarsi in centro potrà parcheggiare pagando 2,50 e utilizzare poi le scale mobili. Questa soluzione potrebbe garantire gli interessi di tutti coloro che vivono o che frequentano il centro storico e risponde in parte alle intese che sarebbero state raggiunte tra Comune e società dei parcheggi”. Contro “progetti e pasticciate rivoluzioni della mobilità immaginate tra l’amministrazione ed alcune corporazioni”, i cittadini chiedono di dare la parola ai perugini e di mettere tra le priorità liberare la città dalle auto private.

Rivoluzione Ztl, i residenti del centro storico non ci stanno

E sulla possibilità di spostare il varco della Ztl da via Masi a via Baglioni, il coordinamento si esprime in maniera negativa poichè scoraggerebbe le famiglie a tornare a vivere nell’Acropoli. “Il segnale che il sindaco manda ai cittadini è quello di una sottovalutazione del grave problema dello spopolamento del centro storico, considerato una questione marginale per alimentare l’idea di una città tutta piegata sugli interessi delle attività terziarie e sugli eventi episodici“.

E infine un appello: “Il coordinamento chiede ancora una volta all’amministrazione di rinunciare alle misure che colpiscono la residenza considerata ormai come forza sociale residua. Tutelare il valore ambientale di piazza Italia, eliminare la sosta selvaggia esercitando un controllo efficace sui troppi fenomeni di non rispetto delle più elementari regole del vivere civile”.