Radiofrequenza, di cosa si tratta e come funziona

Radiofrequenza, di cosa si tratta e come funziona

Tutto quello che c’è da sapere sul trattamento estetico del momento

Il sistema di radiofrequenza è costituito da una serie di radiazioni elettromagnetiche che lavorano simultaneamente nel campo elettrico e in quello magnetico. Ora si sta estendendo il suo uso al campo dell’estetica come una nuova alternativa terapeutica a problemi quali la cellulite e i cedimenti corporali.

Questo trattamento è ideale per le persone che non vogliono sottoporsi ad intervento chirurgico ma anche  in aggiunta alla liposuzione. Ma come funziona la radiofrequenza estetica? La tecnica comporta l’applicazione di energia attraverso la superficie del derma, per permettere di riscaldarlo in profondità  e colpendo così la pelle del tessuto sottocutaneo, provocando una serie di reazioni che favoriscono la formazione di nuovo collagene aumentando la temperatura dei  fibroblasti ossia delle cellule che si occupano della sua produzione. La radiofrequenza inoltre migliora il drenaggio linfatico al fine di ridurre i liquidi e le tossine presenti nel tessuto che incorpora le cellule colpite e migliora la circolazione della pelle e del tessuto sottocutaneo, aumentando la velocità del metabolismo con conseguente diminuzione dell’aspetto “pelle a buccia d’arancia” e  degli strati di pelle cadente. Non essendo un trattamento  abrasivo, la radiofrequenza rispetta l’epidermide, provocando solo un minimo arrossamento senza mai danneggiare la pelle.

Il trattamento di radiofrequenza migliora la lassità cutanea, senza incisioni o periodo di recupero ed è l’ideale per chi ha un leggero rilassamento cutaneo del viso e del collo, ma non ha ancora bisogno di eseguire un lifting chirurgico. Può anche essere applicata per ridurre cedimenti che si verificano in altre parti, come l’interno delle braccia e delle cosce, sull’addome e nei glutei. Può inoltre essere combinato con altre tecniche come la luce pulsata (per migliorare la struttura della pelle ed eliminare piccole macchie o sottili vene del viso), i peeling chimici, riempitivi, botox . Ovviamente altri trattamenti  devono essere eseguiti  in tempi diversi e con una sequenza programmata.

La procedura è semplice e prima della sessione sono fatte foto della zona da trattare che viene contrassegnata con un pennarello chirurgico. Successivamente si applica sulla pelle pulita un olio e si “introduce” energia attraverso un manipolo speciale in continuo movimento per evitare lesioni, abrasioni e bruciature cutanee. Una volta finita la sessione si applica un gel all’aloe nelle zone trattate e si raccomanda di bere molta acqua dopo la sessione per aiutare  il risultato finale. Il grande vantaggio della radiofrequenza è che si può tornare alla propria routine quotidiana  immediatamente dopo il trattamento.

La durata del trattamento varia a seconda della zona da trattare, tra i 25 e i 30 minuti per le piccole aree come addome e braccia e tra i  45 e i 50 minuti per le zone più grandi. Il numero di sedute necessarie è variabile e dipende dalla condizione del paziente, ma si ritiene necessario tra le 4 e le 6 sedute per il viso  e tra  6 e 10 sedute nei trattamenti  per il corpo. La procedura è ben tollerata e non richiede anestesia.