Progetto Cittadini del Mondo, presentazione del Rapporto sull’Immigrazione 2016

Progetto Cittadini del Mondo, presentazione del Rapporto sull’Immigrazione 2016

All’Aula Magna della Scuola media Gentile Da Foligno, lunedì 6 novembre

Lunedì 6 novembre alle ore 16 presso l’aula magna della Scuola media Gentile Da Foligno, in via Monte Soratte 47, nell’ambito delle Conferenze di Formazione del Progetto Cittadini del Mondo, verrà presentato la XXVI edizione del Rapporto sull’Immigrazione redatto dalla Caritas italiana e dalla Fondazione Migrantes.

“Nuove generazioni a confronto” è il titolo del rapporto che si concentra sul confronto tra giovani generazioni, giovani italiani e i giovani di nazionalità non italiana, nati o meno in Italia, che però vivono nelle città italiane, frequentano le scuole, del nostro Paese, lavorano, cercano un’occupazione o vivono la disoccupazione al pari dei loro coetanei di cittadinanza italiana.

Interviene OLIVIERO FORTI responsabile per l’immigrazione di Caritas Italiana.

L’edizione del 2016 del rapporto ricalca nella sua struttura quella dell’anno precedente con una prima parte dedicata all’analisi dei principali dati statistici – di livello internazionale e nazionale – sui flussi e sulla presenza di immigrati nel Mondo, in Europa e in Italia, concentrandosi sulla disaggregazione del dato a livello nazionale, regionale e provinciale. L’attenzione per le tematiche principali – dal motivo della presenza, al lavoro, alla famiglia, ai matrimoni, alle nuove nascite, alla scuola e alla Università – introduce a una parte specifica in cui il tema conduttore scelto in questa edizione – Giovani e immigrati – viene sviluppato da diversi autori in base alle proprie specificità disciplinari.

A seguire alle ore 17.45 testimonianze degli studenti che hanno vissuto degli incontri nell’ambito del dialogo ecumenico a Resita (Romania) ma anche viaggi sulle frontiere dell’Europa come Lampedusa e Calais (Francia). Modera gli interventi il prof. Carlo Felice docente IRC dell’Istituto tecnico tecnologico Leonardo Da Vinci di Foligno.