Pontificale di Sant’Ubaldo, Ceccobelli “La mia ultima celebrazione da vescovo”

Pontificale di Sant’Ubaldo, Ceccobelli “La mia ultima celebrazione da vescovo”

Il vescovo dà l’annuncio dopo 12 anni di episcopato

Dopo l’emozionante Festa dei Ceri di ieri (lunedì 15 maggio), oggi Gubbio celebra il patrono Sant’Ubaldo, nel giorno della sua memoria liturgica. Tanti i fedeli saliti di nuovo in Basilica sulla cima del Monte Ingino. Alle ore 11.15 di stamattina, la statua di Sant’Ubaldo è stata trasferita in corteo dalla Chiesetta di San Giovanni Decollato (detta dei Neri) fino alla Chiesa di San Domenico, dove è stato celebrato il solenne pontificale. A presiederlo, insieme a molti dei sacerdoti del clero diocesano, è stato il vescovo di Gubbio, mons. Mario Ceccobelli, che nella sua omelia, dopo 12 anni di episcopato, ha annunciato:

Sicuramente per me questa è l’ultima celebrazione della festa di Sant’Ubaldo: non mi è dunque possibile nascondere l’emozione che provo ed anche qualche rimpianto. Negli anni precedenti ho sempre invitato vescovi e cardinali per rendere la festa più solenne e per far conoscere il nostro Patrono a personaggi che, senza il mio invito, non avrebbero potuto mai scoprire la dimensione spirituale di questo grande protagonista della storia eugubina

Alle ore 17 di oggi si torna nella basilica di Sant’Ubaldo, dove si svolgerà la santa messa presieduta ancora dal vescovo Ceccobelli.

 

 

Stampa