Perugia, Ralph Lauren “sponsor” del teatro Pavone

Perugia, Ralph Lauren “sponsor” del teatro Pavone

Shopping online sulla pagina web della struttura in piazza della Repubblica forse a causa del dominio scaduto


Mentre la pubblica opinioni e gli amministratori della città sono concentrati sulle sorti del Turreno, qualcosa di muove riguardo al Teatro Pavone. Digitando il sito del teatro del Pavone di Perugia, il cui indirizzo come indicato dal sito del Comune è www.teatrodelpavone.it, qualcosa non torna.

>>Teatro Pavone, la ricetta del Comune ma grazie al “Milione di euro”

A tutta pagina, infatti, viene mostrata la nuovissima collezione della nota casa di moda Ralph Lauren. Addirittura c’è la possibilità di shopping online. Che la firma francese di alta moda abbia deciso di diventare sponsor dello storico teatro cittadino, sui cui lavori di restauro è calato il silenzio? Nessun sponsor importante, almeno per il momento. Piuttosto è più probabile che il dominio web registrato all’indirizzo www.teatrodelpavone.it sia scaduto ed ora caduto in balia della pubblicità.

>>Accordo Pavone – Comune: tutto pronto per l’usufrutto per 15 anni

Lavori in corso. Esattamente un anno fa, infatti, è stata firmato il contratto per la costituzione di usufrutto a titolo gratuito del teatro per 15 anni a favore del Comune di Perugia che si occuperà della gestione diretta delle attività culturali per il rilancio della struttura. Sui lavori di restauro del teatro del Pavone da tempo vige il silenzio. Un restyling della struttura del costo di 700mila euro, 500mila dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e 200mila provenienti dai fondi regionali Pac.

Deadline. Ebbene, secondo indiscrezioni del Limpiccione, proprio negli ultimi giorni all’interno del teatro Pavone ci sarebbe un curioso via vai dovuto all’imminente partenza dei lavori di riqualifica. Secondo l’atto firmato nell’aprile scorso, i lavori di restyling della struttura cittadina dovrebbero concludersi entro il 31 dicembre 2017, data entro la quale dovrà essere stato fatto anche il collaudo. Tempi stretti, dunque, che il Comune dovrà gestire con la supervisione della società Pavone srl.