Pellegrinaggio a piedi Assisi-Gubbio “Il Sentiero di Francesco”, le novità della IX edizione

Pellegrinaggio a piedi Assisi-Gubbio “Il Sentiero di Francesco”, le novità della IX edizione

La manifestazione si terrà dal 31 agosto al 3 settembre

Sono state illustrate questa mattina (lunedì 31 luglio), le tante novità di rilievo nazionale della nona edizione del Pellegrinaggio a piedi Assisi-Gubbio “Il Sentiero di Francesco”, organizzato dalle diocesi di Gubbio e Assisi con la collaborazione e il contributo della Regione Umbria e delle amministrazioni comunali, tra cui il Comune di Gubbio. Presenti alla conferenza il sindaco Filippo Mario Stirati, il vescovo Mario Ceccobelli, Simone Minelli e Caterina Panfili per la ‘Piccola Accoglienza’.

La manifestazione si terrà dal 31 agosto al 3 settembre e quest’anno è stata scelta dalla Chiesa italiana come evento per la celebrazione della Giornata nazionale per la Custodia del Creato. Grazie alla collaborazione con l’associazione culturale ‘Greenaccord’ di Roma, si terrà a Gubbio in quei giorni anche il dodicesimo Forum dell’Informazione cattolica per la Custodia del Creato, con decine di relatori e operatori dei media da tutta Italia.

Il ‘Sentiero di Francesco’ sta assumendo l’importanza che merita – ha commentato Stirati per l’altissimo valore non solo religioso ma simbolico; è uno dei grandi sentieri universali con enormi potenzialità di richiamo proprio per il messaggio che trasmette e lo lega fortemente alla figura di San Francesco e a Gubbio. Una serie di atti compiuti dalle amministrazioni coinvolte, accordi e manifestazioni programmatiche tra Assisi, Gubbio, Valfabbrica e ora anche Nocera Umbra, sottolineano la volontà di farne un richiamo di portata mondiale”.

Alle parole del sindaco, che ha ricevuto in diretta la ‘credenziale del Pellegrino’, ha fatto eco il vescovo Ceccobelli affermando: “Gubbio rappresenta la ‘scelta’ di Francesco che lasciando Assisi, dopo la rottura radicale espressa con la “spoliazione” e la rinuncia all’autorità paterna, si è diretto qui, probabilmente attratto dalla fama di santità del vescovo Ubaldo e potè attuare la piena conversione a contatto con i lebbrosi, fondando il primo cenobio francescano, per concessione del vescovo Villano”.

Si trascorreranno quattro giorni tra Assisi, Valfabbrica e Gubbio, nella verde Umbria, per parlare di Creato, percorrere l’itinerario caro a San Francesco, compiuto nell’inverno tra il 1206 e il 1207, e scoprire così luoghi stupendi, ricchi di storia, arte e spiritualità. Queste le tappe: primo giorno, raduno ad Assisi e partenza per Valfabbrica; secondo giorno, partenza da Valfabbrica e arrivo all’Eremo di San Pietro in Vigneto; terzo e ultimo giorno, partenza da San Pietro in Vigneto e arrivo a Gubbio.

La Conferenza episcopale italiana (Cei) torna dunque in Umbria per celebrare il Creato, come già accaduto nel 2013, anno dell’elezione di papa Francesco. Il tema scelto dai Vescovi delle tre Commissioni (per i Problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, dell’Ecumenismo e il dialogo, e per la Cultura e le comunicazioni sociali) è “Viaggiatori sulla terra di Dio”. Giovedì 31 agosto, nel pomeriggio, Assisi ospita un convegno dedicato alle proposte per un futuro economico e sociale sostenibile, organizzato da Comune e Diocesi di Assisi, seguito in serata da una veglia di preghiera ecumenica e interreligiosa sulla tomba di Francesco.

Altro momento clou sarà la dodicesima edizione del Forum dell’informazione cattolica per la Custodia del Creato, organizzato dall’associazione culturale Greenaccord, network di ispirazione cristiana, aperto in particolare a “comunicatori” interessati a temi e scenari ambientali. Il Forum 2017 inizia il 1 settembre ad Assisi, nel nuovo Santuario della Spogliazione, e continua nel borgo di Valfabbrica dove sarà presentata l'”Ippovia Slow sulla Via di Francesco”.

A Gubbio, poi, sono previste tre sessioni di convegno (tra venerdì pomeriggio e la giornata di sabato 2 settembre), dedicate ai temi: ‘Comunicare dopo l’emergenza per rilanciare il territorio’; ‘Raccontare il cammino: dalle cronache medievali al moderno storytelling’; ‘Viaggiatori responsabili nella “Casa comune”’ . Per gli oltre 50 giornalisti che arriveranno in Umbria dall’Italia e dall’estero per partecipare all’evento, sono previsti anche momenti dedicati alla scoperta di storia e arte, cultura e artigianato, tradizioni ed enogastronomia di Gubbio e dell’Umbria intera. Sabato 2 settembre, alle ore 21,30 nella cornice del chiostro dell’ex monastero olivetano di San Pietro, si svolgerà la serata “Sentinella del Creato”, un talk aperto al pubblico al quale prenderanno parte personaggi del mondo ecclesiale, culturale, artistico e socio-politico. Domenica 3 settembre, al termine del cammino Assisi-Gubbio, pellegrini, giornalisti e fedeli, parteciperanno alla santa messa che sarà celebrata nella Chiesa di San Francesco, trasmessa in diretta alle ore 11 su Rai Uno. La tre-giorni si chiuderà nel primo pomeriggio della domenica, con una curiosità internazionale: il tentativo, da parte di un pellegrino spagnolo, di battere il Guinness World Record per “la credenziale col maggior numero di timbri al mondo”.

È possibile prenotarsi per tempo on line su www.ilsentierodifrancesco.it e per ulteriori informazioni rivolgersi a PiccolAccoglienza Gubbio – Ufficio pastorale del tempo libero, pellegrinaggi, turismo e sport della Diocesi di Gubbio: telefono 3661118386 – email piccolaccoglienzagubbio@gmail.com. Sempre sul sito www.ilsentierodifrancesco.it, sarà possibile scaricare comunicati stampa, immagini e video. Sulla pagina Facebook “Il Sentiero di Francesco” e sull’omonimo canale Youtube, saranno inoltre disponibili aggiornamenti in tempo reale, comprese le dirette delle quattro giornate in live streaming.

Stampa