Opportunità dall’Ue anche per la Valnerina

Opportunità dall’Ue anche per la Valnerina

Risorse per chi si propone di parlare di Politica agricola comune e dei suoi benefici per la cittadinanza

Scadrà il prossimo 15 dicembre 2017 l’invito a presentare proposte per realizzare azioni di informazione sulla politica agricola comune e i benefici che essa genera in termini di sicurezza alimentare, occupazione, tutela dell’ambiente e sviluppo delle aree rurali. L’invito è aperto a tutti i soggetti con personalità giuridica, o capaci di offrire analoghe garanzie, costitute in uno stato membro dell’UE: tra gli altri, amministrazioni pubbliche, istituti scolastici, società private, associazioni.

Abbiamo voluto dare visibilità a questo invito – afferma Damocle Magrelli, capogruppo di Cascia Domani – perché si tratta di una opportunità importante per un territorio che, come il nostro, è a vocazione prevalentemente agricola. E’ un’occasione che ci auguriamo venga colta dalla nostra Amministrazione Comunale per mettere in luce la ricchezza della nostra terra e dare un impulso ad investire su una attività che non è solo produzione primaria ma anche servizio alla collettività, tutela del paesaggio, agriturismo. In questo momento di difficile ripartenza dopo il terremoto, far riscoprire il ruolo dell’agricoltura è fondamentale, tanto quanto non lasciarsi sfuggire risorse preziose come quelle provenienti dall’UE”.

L’invito dà la possibilità a chi si candida di definire strumenti, azioni e destinatari di una campagna che deve mirare a incrementare conoscenza e consapevolezza del sostegno che la stessa UE concede agli agricoltori, spiegandone ragioni e risultati. A puro titolo esemplificativo, tra le attività ammissibili ritroviamo la produzione di brochure, filmati e strumenti ICT ma anche l’organizzazione di incontri, seminari, eventi, fattorie didattiche, con cui parlare di PAC agli studenti, al pubblico in generale o agli agricoltori. La Commissione Europea sovvenzionerà le proposte migliori con un contributo fino al 60% dei costi sostenuti, a cui aggiunge un ulteriore 7% a copertura delle spese generali di gestione. Saranno ammissibili a finanziamento tutti i costi effettivamente sostenuti per l’implementazione dell’azione, dal personale impiegato nella esecuzione delle attività, ai costi per la realizzazione dei materiali o delle attività proposte (stampe, affitto sale/stand per eventi, produzione filmati, eventuali relatori esperti da coinvolgere, trasferte del personale se previste azioni fuori sede).

Il testo completo dell’invito e i moduli di domanda di partecipazione, corredato della lista di tutta la documentazione di supporto da presentare, è disponibile alla pagina web https://ec.europa.eu/agriculture/grants-for-information-measures_it .