Karate, gli olimpionici Fijlkam passano da Terni

Karate, gli olimpionici Fijlkam passano da Terni

Verso Tokyo 2020, inizia la programmazione dell’attività agonistica internazionale Fijlkam per il 2018

Si è svolto a Terni, presso la palestra Guazzaroni di Via Ville Siepi, un importante allenamento collegiale di karate – specialità kumite, organizzato dalla Federazione Fijlkam in vista degli appuntamenti agonistici internazionali del nuovo anno, primo tra tutti la Premier League che si svolgerà a Parigi dal 25 al 28 gennaio prossimi.

Ospiti d’eccezione Sara Cardin (Esercito) e Luigi Busà (Gruppo Sportivo Carabinieri) atleti inseriti nella lista dei 153 olimpionici emessa dal Coni nei giorni scorsi. Ad impreziosire l’appuntamento la presenza dei campioni del calibro di Nello Maestri e Silvia Semeraro (GS Esercito), Gianluca De Vivo , Simone Marino, Laura Pasqua, Viola Lallo (GS Carabinieri)

I lavori sono stati diretti dai Maestri Claudio Guazzaroni e Vincenzo Figuccio, Allenatori della Nazionale FIJLKAM, coadiuvati dagli tecnici dei Gruppi Sportivi dell’Esercito, Maestro Daniela Berrettoni, e dei Carabinieri, Maestro Yuri Schiavone.

L’incontro di Terni ha permesso al team azzurro di verificare le condizioni degli atleti e di programmare congiuntamente il lavoro in vista dell’imminente raduno di Ostia del 18-24 gennaio e, più in generale, di programmare l’attività agonistica internazionale degli atleti della nazionale FIJLKAM per l’anno appena iniziato, con l’attenzione rivolta all’appuntamento olimpico di Tokio 2020, che vedrà partecipare per la prima volta anche il Karate.

Parla il tecnico, allenatore della Nazionale M° Claudio Guazzaroni: “Ospitare a Terni atleti di livello internazionale per un appuntamento così importante per la preparazione pre-olimpica mi riempie di orgoglio. L’ottima riuscita dell’incontro permetterà di certo di ripetere l’esperienza, che é stata positiva sotto diversi aspetti, non ultimo quello tecnico. Il lavoro é stato davvero utile per testare la condizione non solo della Cardin e di Busà, ma di tutto il gruppo che da oltre un anno si sta muovendo in direzione Tokio 2020; a Parigi a fine mese avremo i primi responsi e ci auguriamo di rivedere presto in Umbria i nostri campioni”.

Stampa