‘Mala movida’ il sindaco fa mettere le telecamere

‘Mala movida’ il sindaco fa mettere le telecamere

Ecco i provvedimenti annunciati da Mismetti / ‘Pronto ad incontrare i residenti’

Arrivano i primi provvedimenti concreti per tenere sotto controllo il fenomeno della ‘mala movida’: ad anticiparli è lo stesso sindaco Nando Mismetti che ha dato mandato direttamente al comando della Polizia Municipale di potenziare il servizio di videosorveglianza.

Dopo i recenti episodi di vandalismo, microcriminalità e degrado urbano, ora l’amministrazione comunale sembrerebbe infatti intenzionata a passare dalle promesse ai fatti.

Due nuove ed ultramoderne telecamere, terranno così d’occhio le centinaia di persone che nei fine settimana si riversano nel cuore del centro storico sino a tarda ora. Presenze destinate ad aumentare in maniera costante con l’avvento della bella stagione.

“La prima verrà collocata sulla facciata di Palazzo Deli, più precisamente all’angolo tra il primo tratto di via Gramsci e piazzetta Don Minzoni – anticipa Mismetti – e l’altra l’abbiamo prevista all’angolo dell’edificio della biblioteca comunale, tra l’ingresso principale e quello dell’archivio di Stato, in maniera tale da avere una panoramica completa di tutta piazza del Grano”.

Saranno delle stesso tipo di quelle già operative in altre zone del centro storico, con un meccanismo capace di ruotare continuamente, per avere un raggio quanto più ampio possibile di monitoraggio.

“Le telecamere sono uno degli interventi che ci sono stati chiesti dai residenti della zona – sottolinea il sindaco – allo stesso tempo ricordo di aver recentemente firmato l’ordinanza che limita la somministrazione di bevande alcoliche, e vieta l’utilizzo di contenitori in vetro. Stiamo inoltre portando avanti la trattativa con i Vigili Urbani – prosegue Mismetti – ed uno dei punti che cercheremo di ottenere sarà proprio quello di aumentare controlli e pattugliamenti in quella porzione di cttà”.

Il primo cittadino ha dichiarato anche la sua disponibilità ad incontrare chi abita nel quadrilatero ricompreso tra piazza della Repubblica, piazza del Grano e piazza XX settembre, piazza San Domenico.