Maghi della finanza e teste di legno, giudice conferma arresti per 5 folignati

Maghi della finanza e teste di legno, giudice conferma arresti per 5 folignati

L’inchiesta Great Energy arriva agli interrogatori di garanzia

Nessuna revoca delle misure cautelari emesse per i sette uomini che secondo la procura di Perugia facevano parte dell’associazione per delinquere che avrebbe messo in piedi una maxi-truffa nel mercato libero dell’energia.

Arresti confermati

Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari, Piecarlo Frabotta, che al termine degli interrogatori di garanzia ha rigettato le richieste presentate dagli avvocati di Dashmir Omuri un cittadino albanese del ’76 ma residente a Foligno, considerato una testa di legno,che era e resta in cella, Massimo Amici, Giuliana Pozmogova, Marco Delicati e Domenico Accica.

Tesi che non reggono

Nei dispositivi con cui il giudice ha rigettato le loro richieste, spiega di fatto che negli interrogatori di garanzia avrebbero sostenuto tesi irricevibili pur di far passare la loro estraneità, ma il gip non gli dà alcun credito e anzi scrive apertamente che mentono. Adesso i loro legali (Franco Libori, Luciano Ghirga, Ilaria Iannucci e Francesco Areni) faranno ricorso al riesame.


Foligno, “prestanome a pagamento per le società fantasma” | Chi sono gli indagati


La truffa del gas

Secondo quanto ricostruito dalla guardia di finanza l’organizzazione, che aveva base operativa a Perugia incassava i proventi delle forniture di gas ed energia elettrica erogati a clienti privati ed aziende (ma anche ad Enti pubblici) ma sistematicamente ometteva il pagamento di oltre 20 milioni di euro di accise, iva e delle altre imposte.

Accise gabbate

Il meccanismo fraudolento prende il via quando la prima delle società coinvolte richiede all’Agenzia delle Dogane di Perugia le autorizzazioni ad erogare prodotti energetici, dichiarando di possedere un irrisorio numero di clienti e versando di conseguenza una cauzione minima.

Scatole cinesi

In un gioco di scatole cinesi societarie “switchtavano” da una società che poi chiudevano all’altra (che artatamente aprivano) i clienti e i contratti, rimanendo sempre nel regime di autorizzazione con una cauzione minima, anche se invece clienti e volume d’affari era notevole.

Irreperibili a Dubai

Così i clienti venivano solo informati degli avvicendamenti societari, fino a quando qualcuno si è insospettito. All’appello mancano ancora due pezzi importanti dell’inchiesta, Guglielmo Fabbri, che per la procura è uno dei promotori della mega-truffa e Luigi Menghini, accusato di aver spostato fondi all’estero. Sarebbero entrambi Dubai, dove avevano portato il denaro.


Foto della conferenza stampa dell’operazione Great Energy

Stampa