L’ex Ministro del Lavoro Cesare Damiano saluta gli allievi del Corso di Potatura Ulivi di Castel Ritaldi

L’ex Ministro del Lavoro Cesare Damiano saluta gli allievi del Corso di Potatura Ulivi di Castel Ritaldi

Buona la partecipazione al corso di formazione organizzato dal Centro Socio Culturale A.P.S. di Castel Ritaldi

Si è svolto venerdì e sabato appena passati il secondo “Corso Teorico-Pratico di Potatura dell’Ulivo allevato a Vaso Policonico”, organizzato dal  Centro Socio Culturale A.P.S. di Castel Ritaldi del Presidente Ivano Peparelli, che ha impegnato circa 20 partecipanti in 12 ore di lezione teoriche e pratiche tenute dal Prof. Claudio Ciotti della Scuola Potatura Olivo del Dr. Giorgio Pannelli.

Quasi tutti giovani gli iscritti al corso e tra loro anche due donne, a testimonianza del grande ritorno di interesse nei confronti dell’agricoltura da parte delle giovani generazioni, sia come passione sia come opportunità di lavoro e sviluppo.

Nel bel mezzo della lezione di venerdì pomeriggio una inaspettata e prestigiosa visita: l’ex MInistro del Lavoro del Governo Prodi, Prof. Cesare Damiano, in visita a Castel Ritaldi per motivi di campagna elettorale e “scortato” dai vertici del PD locale, ha voluto salutare i corsisti sottolineando come l’attività agricola, là dove supportata dalla conoscenza e dalla cultura e se mirata a produzioni di qualità e ispirata ai principi dell’ecologia e della sostenibilità, può rappresentare per moti giovani una splendida opportunità di vita e di lavoro.

Sollecitato poi da una domanda del corsista Riccardo Gradassi, il Prof. Damiano ha confermato la candidatura UNESCO del “Sentiero degli Ulivi” che unisce Assisi a Spoleto sul versante orientale della Valle Spoletana a patrimonio paesaggistico-culturale dell’Umanità, a sottolineare che l’agricoltura è diventata nei secoli una questione intimamente legata al sociale, alla cultura e anche, in posti speciali come l’Umbria, alla spiritualità.

Il pomeriggio si è concluso con una relazione del Prof. Domenico Manna, ex Direttore della Comunità Montana dei Monti Martani e del Serano e membro dell’Accademia Nazionale dell’Ulivo, sulla storia dell’olivicoltura nella Valle Spoletana.

Il sabato invece è stato dedicato tutto a prove di potatura pratica sul campo, la mattina presso il Centro Olivicoltura ai Francocci, una struttura bellissima, un tempo sede di una fervente attività di ricerca e produzione di ulivi, legata al CRAI-OLI di Spoleto, ormai largamente in disuso e destinata vergognosamente ad declino, il pomeriggio presso un uliveto privato, dove è stata praticata una potatura di riforma su ulivi precedentemente potati a vaso diaconico.

Alla fine tutti i partecipanti hanno ottenuto un diploma di partecipazione ma soprattutto hanno maturato una consapevolezza e una impostazione moderna della cura degli ulivi.

 

 

 

Stampa