Freddo, vento e neve frenano ma non fermano la Befana del Colle del Marchese

Freddo, vento e neve frenano ma non fermano la Befana del Colle del Marchese

Anche la moto-adunata del venerdì mattina va in scena in formato ridotto

Un freddo polare, un vento gelido, neve e ghiaccio sulla strada frenano ma non fermano la Befana del Colle del Marchese che vola come da tradizione dal campanile della Chiesa di San Pancrazio alla torre del Castello dei Parenzi per poi atterrare nel campo sottostante e riapparire agli occhi dei bambini con il suo carretto carico di doni.

Non molti bambini, per la verità, causa maltempo e causa l’influenza che ne ha lasciati a casa molti, ma per i pochi coraggiosi che hanno avuto l’adire di sfidare le gelide raffiche di tramontana del Generale Inverno, è stata festa grande tra dolciumi e regali da scartare, ciambelle calde e caramelle a volontà.

Come al solito la Befana del Colle del Marchese li ha chiamato ad uno ad uno, piccoli e grandicelli, consegnando a ciascuno il proprio regalo e posando per la foto di rito con tanto di bacetto.

L’indomani mattina alle ore 9,00 il programma prevedeva la moto-adunata sulla piazza del Colle con tanto di colazione del motociclista, ma nessuno credeva possibile che qualche centauro osasse sfidare il gelo imperante. Nulla di più sbagliato: infatti con il passare dei minuti il rombo di moto e quad di pochi ma irriducibili appassionati di fuoristrada scaldava l’aria della Piazza del Colle.

Una robusta colazione e una bella foto di gruppo ha premiato il coraggio di questi ragazzi, un po’ pazzi ma autentici testimoni di una passione profonda e vera.

L’appuntamento con la Befana del Colle del Marchese è ormai per il il prossimo anno nella speranza che il meteo sia più buono di quello di questa gelida edizione.