Gioco d’azzardo, SI chiede di limitare le sale da gioco a Foligno

Gioco d’azzardo, SI chiede di limitare le sale da gioco a Foligno

500 firme raccolte tra folignati dai volontari delle associazioni che hanno aderito allo SlotMob Fest

di Elisabetta Piccolotti*

Bisogna ringraziare i volontari delle 21 associazioni che hanno aderito allo SlotMob Fest e raccolto le firme di 500 folignati contro il gioco d’azzardo. Sinistra Italiana si unisce ai tanti che hanno chiesto al Presidente della Repubblica di intervenire contro un meccanismo che rende lo Stato Italiano dipendente dai profitti derivanti dal gioco d’azzardo legalizzato. A questa meritoria petizione, che il Sindaco Mismetti ha sottoscritto, ci piacerebbe che venisse affiancata una seria strategia di contrasto che intervenga immediatamente sul nostro territorio.
E’ necessario che L’Amministrazione Comunale si attivi per costruire una mappatura degli esercizi che contengono apparecchi per il gioco d’azzardo, segnalando anche attraverso un apposito marchio NoSlot quali sono invece quelli che hanno rinunciato a questa forma di guadagno, in modo che possano essere valorizzati. 
Per questo abbiamo depositato una mozione per chiedere inoltre che, come già accaduto in altre città come Milano, il Sindaco si impegni a emanare un’apposita ordinanza sindacale con cui vengano regolati gli orari di apertura delle sale da gioco e l’accensione di tutti i terminali di Video Lottery e Slot Machine. La nostra proposta è che le slot debbano restare spente e le sale chiuse negli orari in cui gli adolescenti potrebbero avvicinarcisi, e quindi aperte soltanto tra le 9 e le 12 e poi nel pomeriggio tra le 18 e le 23. 
Ci auguriamo che il Consiglio Comunale tutto possa accogliere questa nostra proposta, rivolta alla tutela della salute pubblica della nostra città. 
*Capogruppo Sinistra Italiana | Consiglio Comunale di Foligno