Foligno, il grande cuore di Francesco Gabbani per la bambina aggredita dal cane

Foligno, il grande cuore di Francesco Gabbani per la bambina aggredita dal cane

L’artista avrebbe donato biglietti del tour, un braccialetto e una clip dedicata alla piccola, vittima del cane di famiglia

C’è artista e artista e molto spesso la differenza è evidente per come questo riesce a manifestare la propria sensibilità e sincera disponibilità. Contano i fatti, che diventano veri e propri gesti di valore per il loro significato, al di fuori dei luoghi comuni e della voglia di pubblicità.

Così lo scorso 31 agosto, prima del concerto di Francesco Gabbani, in Piazza Duomo a Spoleto, alcune persone amiche di famiglia avrebbero raccontato al vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo la storia della piccola di 6 anni di Foligno aggredita dal cane di famiglia. Una storia che ha tenuto con il fiato sospeso in tanti, a causa delle brutte ferite riportate dalla piccola.

>>> Foligno, bambina azzannata in testa da un cane: fuori pericolo ma intervento difficile

Come è noto, la bambina è fortunatamente fuori pericolo. Ciò di cui ha bisogno ora è rimettersi definitivamente in salute e dimenticare il terribile episodio che le è accaduto.

>>> Dodici ferite in testa provocate dal cane, ma ora la bimba è salva

Gabbani molto colpito dalla storia e sapendo che la piccola è una sua fan, così come tanti altri bambini e giovanissimi presenti al suo concerto spoletino, avrebbe deciso di compiere un gesto, utile e concreto, per la piccola: il cantante pare abbia mandato alla piccola dei biglietti per un suo concerto, un braccialetto del tour ed anche una clip interamente dedicatale dove canta un suo pezzo.

Un regalo che sicuramente non può che avere un effetto positivo sul morale di una bambina che ha patito una vicenda così terribile e troppo grande per i suoi pochi anni.

E’ un gesto, se confermato, che fa onore a chi, come Francesco Gabbani, ha saputo riconoscere un momento di bisogno nel mare delle persone che lo applaudono, ma di cui spesso non si conoscono le storie e gli affanni personali.

©Riproduzione riservata

(modificato h 12,21)