Festa delle Famiglie Arcobaleno a Todi,  Ius soli e omogenitorialità i temi

Festa delle Famiglie Arcobaleno a Todi, Ius soli e omogenitorialità i temi

Il 6 maggio al Parco della Rocca letture, giochi e attività per i bambini e bambine

La tradizionale Festa delle Famiglie, che Famiglie Arcobaleno organizza nel mese di Maggio, quest’anno sarà dedicata ai diritti di tutti i bambini e le bambine. Lo slogan è “Tutti i bambini sono uguali. Uguali diritti per tutte e tutti”.

“Oggi nel nostro Paese – spiega la presidente Marilena Grassadonia – ci sono minori che hanno meno diritti degli altri, perché sono nati in famiglie con due mamme e due papà, o perché i loro genitori sono stranieri. La nostra associazione si batte da sempre per un’Italia più giusta e inclusiva. I diritti sono diritti quando sono di tutti, altrimenti sono solo privilegi”.

Nello specifico, Famiglie Arcobaleno ha sostenuto la proposta di legge sullo ius soli e torna inoltre a chiedere una legge che sancisca chiaramente il diritto delle bambine e dei bambini nati da coppie omosessuali di vedersi riconoscere entrambi i genitori all’atto della nascita. In questi giorni più Comuni italiani stanno procedendo proprio in questa direzione con la registrazione all’anagrafe di entrambi i genitori.

L’appuntamento si svolgerà in nove città italiane, tra le quali Todi, il 6 Maggio, nel bellissimo Parco della Rocca. Molte le associazioni che hanno aderito all’iniziativa e che saranno presenti con letture, giochi e attività per i bambini e bambine.

In Umbria la Festa delle Famiglie ha il Patrocinio della Regione Umbria, del Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza, della Provincia di Perugia e del Comune di Todi.

“Famiglie Arcobaleno prende atto dell’apertura del Comune di Todi nei confronti delle famiglie omogenitoriali che non sono solo una raffigurazione su dei libri ma una realtà esistente– recita una nota alla stampa dell’associazione-
ed è per questo motivo che ritiene la direttiva della giunta, che colloca i libri per bambini trattanti temi legati all’orientamento sessuale nella sezione adulti, una scelta anacronistica e lontana dalla realtà.”

“I nostri figli sono già presenti nelle scuole, nei parchi e con naturalezza parlano agli altri bambini della loro famiglia– prosegue la nota di Famiglie Arcobaleno-l’associazione ritiene inoltre fondamentale il ruolo della scuola come agenzia formativa. I genitori dovrebbero lavorare insieme alla scuola insegnando ai propri figli il rispetto per tutti e contrastando ogni forma di bullismo. Famiglie Arcobaleno si augura che la Festa delle Famiglie di Todi sia anche l’occasione per incontrare gli esponenti dell’amministrazione comunale e consentir loro di conoscere dal vivo questa realtà.”

Stampa