Fausto Bertinotti e Stefano Fassina, dibattito a Foligno

Fausto Bertinotti e Stefano Fassina, dibattito a Foligno

‘Un futuro di sinistra o una sinistra senza futuro’?

“In un momento di crisi drammatica per il nostro paese, la sinistra sembra scomparsa ed i suoi militanti in preda ad un vero e proprio smarrimento esistenziale. Serpeggia in seno al popolo italiano, un senso di impotenza e di rassegnazione. Nonostante i tanti segnali di malcontento e di protesta sociale, il sistema sembra impermeabile e chi comanda è sordo alle istanze di cambiamento e di giustizia sociale. E’ tuttavia nell’aria che siamo alle porte di una svolta politica. I partiti di destra e di sinistra che ci hanno governato negli ultimi decenni sono al tramonto – si legge nel comunicato stampa – mentre emergono nuovi movimenti politici, come il Movimento 5 Stelle, verso cui si riversano le speranze di tanti cittadini”.

Sarà possibile realizzare le grandi trasformazioni di cui il nostro Paese ha bisogno, rispettando le regole di questo sistema e restando nella gabbia dell’Unione Europea, senza rompere con un neoliberismo che si è rivelato incompatibile con la democrazia? Un vero cambiamento non si realizza solo mettendo al governo un partito al posto di un altro, richiede il risveglio e la partecipazione diretta del popolo, unico titolare, come afferma la nostra Costituzione, della sovranità politica. Ciò che resta della sinistra – prosegue la nota – non sembra aver capito la lezione, resta ancorata a politiche, dogmi e sogni che non hanno aderenza alla realtà”.

Se ne parlerà giovedì aprile alle 21 nella sala rossa di Palazzo Trinci di Foligno con Fausto Bertinotti, Stefano Fassina e Carlo Formenti in un dibattito sul tema: ‘Un futuro di sinistra o una sinistra senza futuro’?