Degrado, sulle ex segreterie alla Pallotta ancora silenzio

Degrado, sulle ex segreterie alla Pallotta ancora silenzio

1.500 mq acquistati dall’Università nel 2003, le segreterie inaugurate nel 2004 e chiuse nel 2009 perché non agibile | I lavori di riqualifica sono costati un milione di euro |


Dalle stelle alle stalle. Doveva diventare un punto di riferimento per gli universitari di Perugia e invece si è trasformato in un’enorme area di degrado. Sul tavolo della commissione consigliare urbanistica è finita la messa in sicurezza e la riqualificazione degli edifici delle ex segreterie degli studenti in via della Pallotta. Un edificio di 1.500 mq già ristrutturati e al momento in stato di abbandono per cui si cerca di capire si è prevista una differente destinazione.


Ex segreterie studenti / “L’abbandono dello stabile in Via della Pallotta”


Ex Fiat

Ma facciamo un passo indietro e torniamo al 2003 quando l’Università degli Studi di Perugia, ha acquistato l’edificio tra via della Pallotta e strada Tuderte dove, storicamente, si trovava la concessionaria Fiat della città, costata in lavori di riqualifica un milione di euro. Su sollecitazione dell’ateneo, nel 2004, con un ulteriore investimento di 2 milioni di euro, venne costruita anche la nuova stazione ferroviaria Fcu a servizio delle segreterie, collegata sia con il centro storico che con Ponte San Giovanni. Per servire meglio gli studenti furono anche spostate le fermate degli autobus.

Polo universitario

L’idea, ambiziosa quanto necessaria, era di ricreare una cittadella universitaria a pochi passi dal centro ma più comoda, con un parcheggio e servita dai mezzi pubblici, e arricchita dalla presenza di strutture d’interesse come il Centro universitario sportivo, il centro Bambagioni con la piscina universitaria.

La chiusura

Ma le nuove segreterie degli studenti hanno avuto breve vita perchè, dopo accurate verifiche, nel 2009 sono state chiuse per mancanza delle caratteristiche antisismiche, in particolare per problematiche legate al tetto dell’edificio. La promessa era quella di iniziare i lavori di adeguamento quanto prima, ma al contrario, nel 2011, viene presa la decisione di spostare definitivamente gli uffici generali delle segreterie degli studenti negli edifici delle singole facoltà. Gli anni passano e l’immobile viene abbandonato ad un degrado crescente.

Cittadella della sport?

Nel 2014, anno in cui è stata fatta una variante per favorire il recupero di quest’area, il Rettore Moriconi, aveva lanciato l’idea di voler recuperare questi spazi  all’interno del progetto della cittadella dello sport che proprio qui doveva nascere.  Poi, su via della Pallotta è nuovamente calato il silenzio. Ma ora la questione, su spinta di una interrogazione a sindaco e giunta a firma dei consiglieri di opposizione Bori e Bistocchi, torna sotto i riflettori. I proponenti, non trovando risposte sullo stato del progetto da parte dell’assessore comunale Emanuele Prisco, hanno chiesto di poter sentire l’ateneo al fine di avere ulteriori approfondimenti al riguardo. Tutto rimandato, quindi, a quando in commissione interverrà l’amministrazione universitaria.

Stampa