Colfiorito, ricco programma di eventi per la 40° edizione della Sagra della Patata

Colfiorito, ricco programma di eventi per la 40° edizione della Sagra della Patata

Evento strategico per la sinergia tra l’Umbria e le Marche | Presenze aumentate del 30% e spunta un progetto per la copertura wi-fi

E’ tutto pronto a Colfiorito di Foligno, per la quarantesima Sagra della Patata Rossa della montagna Umbro – Marchigiana, in calendario da venerdì 11 a domenica 20 agosto, che proseguirà poi con la tre giorni Colfiorito & il mare, da venerdì 25 a domenica 27  per un incontro gastronomica tra i prodotti tipici dell’altopiano ed il pesce dell’Adriatico.

“Quest’anno sarà edizione davvvero speciale, si tratta infatti del quarantennale e del ventennale del terremoto – ha dichiarato Stefano Morini, presidente del Comitato organizzatore – stiamo organizzando un convegno di livello nazionale, al quale abbiamo invitato oltre 130 sindaci dei comuni colpiti nel 1997 e lo scorso anno. Sarà presente anche il direttore nazionale dell’Istituto Nazionale di Geofisica. Le novità in programma sono molte – ha fatto sapere Morini – dallo spettacolo di majorette per l’inaugurazione alla presenza della Quintanella di Scafali, dai pomeriggi con i pony alle esibizioni di agility dog, e poi ancora raduno di auto d’epoca, gara di motocross e mercatini di campagna amica a cura della Coldiretti”.

Ogni sera, musica dal vivo ed eventi sportivi, ricreativi e culturali, per allietare non solo il palato, e passare qualche serata in allegria, al fresco della montagna folignate.

Asso nella manica, il progetto di realizzare in futuro la copertura wi-fi dell’intera area della sagra, a ridosso della svincolo con la Ss 77 Valdichienti, in sinergia con l’azienda Connesi di Foligno.

“Dopo aver velocizzato i rapporti e favorito l’interazione con l’autostrada a quattro corsie – ha commentato l’amministratore delegato di Connesi, Massimo Bartolini – dobbiamo cercare di portare a Colfiorito, anche l’autostrada telematica, per farlo diventare ancora di più uno snodo strategico”.

Il sindaco di Foligno, Nando Mismetti, ringraziando a nome della città, gli organizzatori ed il presidente Morini, ha sottolineato l’importanza della Sagra Patata Rossa di Colfiorito, facendo notare come in questi quaranta anni sia diventata un punto di riferimento non solo per la montagna folignate, ma per un intero territorio, che oggi più che mai, diventa fondalmentale per rinsaldare il legame con le Marche. “Chi pensava che l’apertura della nuova Valdichienti avrebbe portato alla morte dell’altipiano, si deve ricredere – ha detto il sindaco Mismetti – Colfiorito infatti sta vivendo una rinascita anche oltre le più rosee previsioni. Questo evento ha rappresentanto e rappresenta non solo un’occasione di animazione della montagna, ma anche un’occasione per la promozione turistica, dei nostri prodotti, e per il confronto tra Umbria e Marche sotto molteplici punti di vista”.

Soddisfatto per la stretta collaborazione con il comitato organizzatore, anche il responsabile del Parco di Colfiorito Paolo Gubbini che ha illustrato le iniziative inserite nel programma della sagra: visite al Museo naturalistico; mostra fotografica ‘Raccontando Colfiorito’; escursione notturna alla Palude di Colfiorito; escursione sino a ‘La vetta di Monte Trella’ e serata sotto le stelle con osservazione del cielo. Inoltre, la sede del Parco di Colfiorito, nei giorni dell’evento resterà aperta dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

“A seguito dell’apertura della nuova Ss 77 abbiamo registrato un aumento di presenze del 30% – ha aggiunto Paolo Gubbini – e lavorando, come sempre, in sintonia con il comitato della sagra, le istituzioni e la popolazione, i margini di sviluppo sono davvero altissimi”.

“Anche grazie alla Sagra della Patata Rossa, il legame tra Colfiorito, la città ed il territorio è sempre più forte – ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo Economico e Turismo, Giovanni Patriarchi – la promozione dei prodotti tipici agroalimentari qualità, la valorizzazione del patrimonio naturale e paesaggistico, sono strategici per lo sviluppo economico e turistico della montagna folignate, è così che possiamo riuscire a cogliere al meglio le opportunità della nuovo collegamento tra Foligno e Civitanova Marche”.