Calzolaro, Bacchetta non ci sta e replica a Locchi | E al Comitato “Non siamo noi i responsabili”

Calzolaro, Bacchetta non ci sta e replica a Locchi | E al Comitato “Non siamo noi i responsabili”

Il sindaco tifernate a quello di Umbertide “Ci telefona e poi esce con comunicati di tutt’altro tenore”

Non accennano a placarsi le polemiche relativa alla situazione di Calzolaro. Il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta, dopo le parole odierne di Locchi, è tornato a fare alcune precisazioni, sottolineando come il sindaco di Umbertide “mandi messaggi e ci telefoni e poi esca con comunicati di tutto altro tenore”.

Bacchetta risponde semplicemente confermando ciò che aveva precedentemente dichiarato: “I rifiuti del Comune di Umbertide sono stati conferiti a Calzolaro e le tariffe di Umbertide sono molto più alte di quelle di Città di Castello”. Detto questo il primo cittadino tifernate ha aggiunto di voler incontrare Locchi “molto volentieri a patto che si usi sempre la stessa lingua”.

Bacchetta ha poi voluto manifestare tutta la sua solidarietà al neo Comitato di cittadini di Calzolaro-Trestina, “anche se ovviamente, – ha ribadito – non è il Comune di Città di Castello il responsabile dei loro disagi”. Queste parole arrivano in risposta alla medesima associazione di residenti che, tra i colpevoli dell’attuale situazione, oltre al presidente della Regione Catiuscia Marini e all’assessore regionale Fernanda Cecchini, aveva inserito anche il sindaco tifernate. “Ai cittadini di Calzolaro ripetiamo che, il Comune di Città di Castello, non ha alcuna intenzione di contribuire ad aumentare il loro disagio”.