Bilancio record per il Parco di Colfiorito

Bilancio record per il Parco di Colfiorito

In programma tre grandi eventi sportivi di spessore internazionale | Si pensa ad una grande pista ciclabile dalla Palude al mare

Bilancio più che soddisfacente per il Parco di Colfiorito:  sono state circa seimila le presenze registrati lo scorso anno, con 1250 visitatori al Museo Naturalistico e quasi 2400 studenti che hanno approfondito la conoscenza dell’altipiano plestino. Un anno positivo grazie anche alle numerose attività proposte, dalle lezioni didattico ambientali per le scuole alle escursioni. Un boom legato strettamente anche alle opportunità offerte dalla nuova ‘Val di Chienti’. Da segnalare le presenze dal resto d’Europa e d’Italia con un impennata del 30% circa.

Ad illustrare il bilancio dell’attivitàn 2017 sono stati, questa mattina, nel corso di un’apposita conferenza stampa, il consigliere delegato al Parco di Colfiorito Paolo Gubbini, Laura Picchiarelli e Biancarita Eleuteri, alla presenza del sindaco Nando Mismetti.

Il 2018 punterà molto sullo sport e sulle proposte legate a ‘Foligno Città Europea dello Sport’ con la montagna folignate che ha intenzione di essere protagonista a tutti gli effetti. Un ricco cartellone di eventi su misura per il territorio montano con tre appuntamenti da mettere già in agenda. Il sei maggio è già in programma una speciale maratona dell’altopiano di Colfiorito, corsa non competitiva con tre itinerari: dieci chilometri, ventotto e ben 42 chilometri. L’obiettivo è quello di egualiare e  magari, in futuro, superare i numeri di Acquapendente dove sono passati da 300 a circa 1800 iscrizioni.

Altra novità sarà Pale Ultra Trail in calendario il 10 giugno con un percorso che si snoderà dal Parcho Hoffman per poi proseguire verso Sassovivo, Pale e Capodacqua.

Il terzo evento, in sinergia con la Fie, punterà su disciplina di regolarità alpina, una marcia su diversi percorsi ad alta quota. Ed anche grandi manifestazioni come il Giro d’Italia e la Tirreno – Adriatico transiteranno per le strade della montagna folignate.

Asso nella manica potrebbe essere una ciclovia lungo il tracciato della vecchia Ss77 che punta ad unirsi al cosiddetto ‘Quadriciclo’ delle vicine Marche, per poi magari collegarsi alla Spoleto – Assisi, di rilevanza internazionale.

Tra le attività ricordate: le ciaspolate invernali, la festa dei Boschi del Fai, il week-end dedicato alle orchidee spontanee, il laboratorio di erboristeria, le osservazioni astronomiche curate dall’Associazione Antares, la collaborazione con il fotoclub del DLF Foligno, la presentazione del libro del piccolo ornitologo Francesco Barberini e il convegno sull’area archeologica di Plestia. E’ stata inoltre presentata ai cittadini la nuova carta degli itinerari plestini.

 

Stampa