Ast, Fiom scettica sui cambiamenti | Critiche a gestione del Tubificio

Ast, Fiom scettica sui cambiamenti | Critiche a gestione del Tubificio

Analizzate in assemblea le specifiche criticità all’interno dei diversi reparti ed enti

“Tanti e troppi sono gli annunci ed i progetti che vedono disponibilità aziendali nel trovare le soluzioni, ma non si trasformano in azioni concrete atte a cogliere gli obbiettivi annunciati di consolidamento e sviluppo“. E’ quanto denuncia la Fiom Cgil in merito alla situazione dell’Ast.

Si stanno svolgendo in questi giorni infatti le assemblee di organizzazione con i lavoratori di Acciai Speciali Terni. E durante gli incontri “abbiamo colto l’occasione come Fiom Cgil per approfondire i temi riguardanti le problematiche aziendali ed in particolar modo le specifiche criticità all’interno dei diversi reparti ed enti” evidenzia il sindacato.

Dalle assemblee emerge uno stato di preoccupazione rispetto ai futuri assetti societari di AST, all’indomani dell’annunciata vendita, e una preoccupazione sulle evidenti criticità che giornalmente emergono all’interno dei reparti. Dal punto di vista dei lavoratori, si percepisce uno stato confusionale, soprattutto nella gestione quotidiana, che non è in linea con quanto dichiarato e sostenuto da parte del management aziendale.

E’ sorto con forza, soprattutto al TUBIFICIO, il problema della gestione del commerciale, più volte evidenziato dalle organizzazioni sindacali, dove non si percepiscono strategie chiare, mercati definiti, organizzazione del lavoro efficiente. Quanto sta succedendo al TUBIFICIO è preoccupante in quanto si sono riempiti i magazzini di materiale, si stanno fermando le linee di produzione e non si spedisce verso il cliente. Tutto ciò testimonia che, accanto alle problematiche del commerciale, sussiste un più generale problema di organizzazione del lavoro, di programmazione degli impianti e pianificazione della produzione.

Insomma, questo è il chiaro esempio che “qualcosa” non va, che forse ci sono situazioni sulle quali, invece di dire che va tutto bene, il management dovrebbe parlare e dare spiegazioni sulla situazione, sui problemi che ci sono e sulle soluzioni che si vogliono mettere in campo.

Troppi sono i cambiamenti, troppe le situazioni poco chiare, troppe le modifiche continue nelle quali non si hanno ben definiti ruoli, funzioni e responsabilità. Situazioni che non mettono in condizione l’insieme dei lavoratori di svolgere serenamente il proprio lavoro e di capitalizzare al meglio il potenziale che AST esprime.

Speriamo circoscritta. Se cosi fosse, come ribadito più volte, non siamo d’accordo ad un prospettiva che in generale indebolisce complessivamente il sito di Terni”.

(foto di repertorio)

Stampa