TUTTOGGI.info

Quotidiano online dell'Umbria

giovedì 24 aprile 2014 -

CLAMOROSO, DA MOBILITA’ NESSUN DIRIGENTE. OK CONCORSI, GLI AMMESSI E LE COMMISSIONI

CLAMOROSO, DA MOBILITA’ NESSUN DIRIGENTE. OK CONCORSI, GLI AMMESSI E LE COMMISSIONI

Tornano in gioco i ‘precari’. Fa domanda anche il D.G.. Le 2 Nichinonni. Concorso 9 impiegati: minoranza chiederà accesso agli atti. Interviene anche Pdl (nei commenti)

di Carlo Ceraso

 

Non ce l’hanno fatta a superare il colloquio. I dirigenti che avevano fatto domanda di mobilità per poter lavorare al Comune di Spoleto, che per questo aveva pubblicato in Gazzetta 4 avvisi per altrettanti posti (di dirigente economico-finanziario, amministrativo, di polizia municipale e dei servizi sociali-sportivi.scolastici), non sono infatti riusciti ad ottenere il minimo di 21 punti sui 30 previsti dal bando. La prova consisteva in un “colloquio su motivazioni, attitudini e professionalità utili e necessarie all’espletamento delle funzioni da svolgere”.

5 le domande pervenute per 3 dei quattro posti (nessuna domanda per quello economico-finanziario), anche se all’appuntamento del 15 ottobre scorso si sarebbero presentati solo in 2 giunti a Spoleto dal sud Italia: un candidato per la P.M., uno per dirigente dei servizi sociali.

Ma nessuno dei due, nonostante già vincitori di concorsi dirigenziali, ha indubbiamente convinto la Commissione e dunque superato il test orale. E’ questo in sintesi quanto trapela dal Palazzo municipale, in attesa che l’esito venga pubblicato all’Albo Pretorio. Dove invece da oggi pomeriggio (ieri per chi legge, n.d.r.) compare il ‘via libera’ ai Concorsi pubblici che erano stati comunque predisposti in caso di esito negativo dalle procedure di mobilità.

Una soluzione che si è rivelata azzeccata.

 

DISCO VERDE CONCORSI: L’esito negativo dalle procedure di mobilità ha di fatto acceso il disco verde per i 4 Concorsi pubblici. In totale sono pervenute 145 domande. Dalla prima istruttoria sono risultati ammissibili 73 candidati mentre 38 sono quelli che accederanno con riserva. Ammontano invece a 34 quelli esclusi dalle prove per mancanza dei requisiti. Come era prevedibile ai Concorsi hanno presentato domanda anche i dirigenti ‘precari’ del Comune di Spoleto, 4 in tutto e precisamente Emanuela De Vincenzi, Stefania Nichinonni e Vincenzo Russo. Ai quali si aggiunge anche lo stesso direttore generale dell’ente municipale spoletino, il dottor Angelo Cerquiglini, il quale, sulla pianta organica, risulta essere un impiegato D3 del Comune (ha ottenuto il trasferimento dal Comune di Trevi negli ultimi mesi del 2° mandato Brunini).

 

L’OPPOSIZIONE: la minoranza, specie i Gruppi Rinnovamento e Misto, già in serata hanno annunciato che continueranno a seguire da vicino l’esito delle procedure concorsuali. Sia quelle per i dirigenti che quelle relative ai 7 Concorsi per l’assunzione di 9 impiegati. Proprio a proposito di questi ultimi, sembra che nel prossimo Consiglio comunale i capigruppo Cardarelli e Profili ufficializzeranno la richiesta di accesso agli atti delle prove scritte fin qui espletate. Anche se al momento nessuno dei consiglieri ha voluto svelare le ragioni della richiesta.

 

LE CURIOSITA’: scorrendo la lista degli ammessi alle prove scritte risulta curioso, per quanto assolutamente legittimo, che anche il direttore generale comunale abbia presentato domanda per un posto che di fatto è di posizione inferiore a quella ricoperta. Sarebbe un pò come vedere l’impiegato di una scuola venir promosso preside per poi ritrovarselo al concorso per insegnante. O un cancelliere nominato Presidente di Tribunale e poi partecipare al concorso per uditore giudiziario.

I 4 dirigenti ‘precari’ del Comune hanno comunque presentato 1 sola domanda ciascuno, quasi a far ipotizzare una sorta di patto di non aggressione. Ma la curiosità che rimbalza più evidente è il caso di omonimia già ribattezzato come quello delle “2 Stefanie”: al Concorso per dirigente ai servizi sociali, infatti, su 18 domande ne sono arrivate 2 con lo stesso nome e cognome: Stefania Nichinonni. La prima nata a Foligno e attuale dirigente al Comune di Spoleto (ammessa), la seconda a Roma (ammessa con riserva).

 

 

TUTTI I CANDIDATI: ecco quindi di seguito gli ammessi alle prove scritte provenienti praticamente da tutta Italia, isole incluse.

Dirigente economico-finanziaria e sviluppo – Sono state 44 le domande presentate di cui 6 quelle respinte per carenza dei requisiti previsti nel bando. 29 gli ammessi e precisamente Ludovico Barone (nato a Napoli), Bruno Bertolani (Modena), Arturo Bernardini (Sinalunga), Michele Brivio (Merate), Antonio Stefano Salvatore Caminiti (S. Teresa di Riva), Claudio Carbone (Ceprano), Angelo Cerquiglini (Trevi), Francesco Consiglio (Rosarno), Renato Dall’Asta (Bra), Stefano Ercolani (Tuoro sul Trasimeno), Nazario Fania (S. Giovanni Rotondo), Pietro Fiscaletti (Ascoli Piceno), Carmine Infante (Matera), Antonio Lavorato (Taurianova), Pierpaolo Mancaniello (Bologna), Leonardo Mascarin (Pordenone), Giuseppe Melone (Napoli), Fabio Midolo (Milano), Eugenio Piscino (Napoli), Carlo Piscitelli (S.Agata dei Goti), Stefano Pizzato (Padova), Antonio Poziello (Giugliano in Campania), Patrizia Ruffini (Macerata), Claudio Sassetti (Pisa), Donatella Steca (Montefiore dell’Aso), Patrizia Tedeschi (Terni), Gianluca Venier (Codroipo), Nicola Visalli (Limbiate) e Marco Zollo (Venafro). 9 gli ammessi con riserva (in attesa di verificare il requisito dell’esperienza maturata): Giovanni Buquicchio (Bari), Andrea Costanzi (Foligno), Maria Gianuario (Velletri), Carlotta Previti (Roma), Paola Ricci (Montecchio), Ernesto Segoni (Roma), Paolo Spernanzoni (Amelia), Maria Laura Tucci (Catanzaro). Martin Venturi (Berna).

Dirigente amministrativo – 52 le domande con 38 ammessi (17 quelli con riserva) e 14 esclusi. Gli ammessi: Paolo Baronti (Empoli), Arturo Bernardini (Sinalunga), Flavio Brunaccioni (Mondavio), Antonio Capitano (Palermo), Francesco Catania (Catania), Giuseppe Coccia S.Giovanni Rotondo), Nazario Fania (S. Giovanni Rotondo), Stefano Fodra (Torgiano), Claudio Fortini (Albano Laziale), Sonia Furlan (Vicenza), Marina Gaviglia (Pontinia), Lorena Granata (Crecchio), Oreste Pignatari (Vallo della Lucania), Carlo Ramaccioni (Umbertide), Luigi Rischitelli (Tocco da Casauria), Ornella Rossi (Napoli), Vincenzo Russo (Caserta), Giovanni Saldutti (Avellino), Marta Scioscia (Roma), Maurizio Stringhetta (Aprilia), Antonio Giuseppe Tomaselli (S. Giovanni Rotondo). Ammessi con riserva: Marco Brocchi (Siena), Elide Conigli (Roma), Luca Delle Fate (Foligno), Rosalba Farina (Oria), Elisabetta Gori Perugia), Anna Teresa Loreti (Foligno), Luca Menichetti (Firenze), Elio Oselli (Monte S.G. Campano), Emilia Piemontese (Andria), Carlotta Previti Roma), Paolo Antonio Ricci (Montevarchi), Adriano Rizzello (Spongano), Armando Filippo R. Rosati (Nizza), Sabrina Pietra Sampognaro (Catania), Ernesto Segoni (Roma), Andrea Sisino (Teramo), Barbara Viero (Padova).  

Dirigente della Polizia Municipale e vigilanza territoriale - Sono state 31 le domande presentate con 16 candidati ammessi, 8 con riserva e 7 esclusi. Gli ammessi: Nora Belmonte (Spoleto), Roberto Benigni (Ascoli Piceno), Arturo Bernardini (Sinalunga), Flavio Brunaccioni (Mondavio), Giuseppe Coccia (S.Giovanni Rotondo), Emanuela De Vincenzi (Terni), Giovanni Di Capua (Bari), Nazario Fania (S. Giovanni Rotondo), Marina Gaviglia (Pontinia), Daniela Gonnelli Montepulciano), Marco Maccioni (Monsummano Terme), Giancarlo Meniconi (Foligno), Pina Rotili (Rieti), Manfredo Stella (Riva del Garda), Maurizio Strnghetta (Aprilia) e Giuseppe Antonio Tomaselli (S.Giovanni Rotondo). Con riserva: Gianluca Bertoldi (Foligno), Michele Cittadin (Casier), Simonetta Daidone (Eboli), Pasquale Mario Di Mezza (Benevento), Nicola Mosele (Cittadella), Sabrina Pietra Sampognaro (Catania), Giuseppe Sciaudone (Mondragone) e Giuseppe Taverna (Agrigento).

Dirigente ai servizi sociali, sportivi e scolastici - 18 i candidati dei quali solo 7 sono risultati ammissibili alle prove, 4 quelli ammessi con riserva e 7 esclusi. Gli ammessi sono Paolo De Maina (Benevento), Paola Maria Pia Ippolito (Taranto), Alessandro Licitra (Ragusa), Alessandra Massari (Spoleto), Stefania Nichinonni (Foligno), Oreste Pignatari (Vallo D. Lucania), Marta Sioscia (Roma). Con riserva di verifica dei requisiti: Dina Bugiantelli Assisi), Carmine De Blasio (Montefusco), Stefania Nichinonni (Roma), Giovanni Pulvirenti (Ragusa).

 

 

LE COMMISSIONI: Le commissioni esaminatrici sono state nominate questa mattina dal Sindaco. Sono essenzialmente 2 divise per i 4 Concorsi. Quelle per dirigente economico-finanziario e amministrativo saranno presiedute da Francesco Di Massa (Segretario generale del Comune di Perugia) e vedranno quali membri Gioia Rinaldi (dirigente settore economico-finanziario del Comune di Terni) e Gabriele Silvestri. Quest’ultimo, già vice segretario del Comune di Gubbio, è il direttore della Sepa, la Scuola Eugubina di Pubblica Amministrazione (alla quale aderisce anche il Comune di Spoleto) nel cui Consiglio direttivo figura il d.g. Cerquiglini (clicca qui).

I Concorsi per dirigente della PM e per dirigente dei servizi sociali, sportivi e scolastici avranno invece quale presidente Stefano Massoni (Direttore generale Provincia di Perugia) che sarà affiancato da Mauro Vinciotti (dirigente PM Comune di Orvieto) e Carla Trampini (dirigente Servizi sociali del Comune di Perugia). Le funzioni di segretario di tutte e quattro le Commissioni saranno svolte da Angelarita Antonelli.

 

LE PROVE: le prove scritte si terranno nei giorni 9, 10, 15 e 16 novembre; quelle orali il 30 novembre e il 1, 9 e 10 dicembre. Non resta che augurare il tradizionale “Che vinca il migliore” come Costituzione impone. 

 

© Riproduzione riservata

Commenti

1) inserito il da Franco

Perchè? Qualcuno aveva dei dubbi sull'andamento dei concorsi????

2) inserito il da ce senti cerqua! o cerqui?

Propongo una riflessione. Dei 25 APO comunali, solo 1 sembra aver presentatodomanda di partecipazione. Ora mi chiedo: nessuno degli altri 24 è laureato? hanno timoredi elevarsi professionalmente? paura di migliorarsi economicamente? angoscia dinon saper superare le prove? O semplice terrore di disturbatareirispettivi manovratori?

3) inserito il da cittadino

schifo schifo e schifo!!!! solo questo mi viene da pensare e da dire!!! ma quando ci sara un inquisizione anche a spoleto di tutte queste manovre?? quando qualcuno s'incaxxera ceramente e fara rivoluzione?!??

4) inserito il da giustiziere

Curiosità: sapevate che nella commissione del concorso "economico-finanziario" è stato nominato un amico del Direttore Generale del Comune di Spoleto? Detto sig. Silvestri è per caso colui che organizza i corsi di aggiornamento per i comuni? Corsi concordati anche con il vertice del comune di Spoleto? Amcora una domanda: ma questo non si chiama conflitto di interessi?

5) inserito il da allibito

Visto gli esiti dei concorsi precedenti, in cui è stata sfidata ogni legge statistica, non credo ci siano dubbi su chi vincerà anche questi. Piccolo appunto personale: il comune avrebbe fatto più bella figura a stare in silenzio piuttosto che definirsi "deluso" dal rendimento di chi ha partecipato ai concorsi, sicuramente in una "competizione" pulita ci sarebbero stati ben altri risultati.

6) inserito il da mail postata da: Gruppo Rinnovamento, Gruppo Loretoni, Gruppo Misto

Il problema dei concorsi per dirigenti indetti dal Comune di Spoleto pone una questione di correttezza e trasparenza amministrativa molto importante. A quei concorsi parteciperanno infatti, tra gli altri, alcuni attuali dirigenti del Comune di Spoleto. Questi dirigenti sono stati assunti dall’attuale amministrazione e dalle precedenti sulla base di un rapporto fiduciario con contratti che avevano validità per il periodo della durata delle varie amministrazioni in carica. La legge consentiva infatti che il Sindaco potesse scegliersi direttamente i dirigenti affinché fosse coadiuvato nel proprio mandato da persone di piena fiducia che potessero rispondere più esattamente all’attuazione delle proprie linee programmatiche. E’ evidente che gli attuali dirigenti del Comune di Spoleto siano stati scelti da amministrazioni di centrosinistra presumibilmente tra persone che condividevano quella linea politica. L’ eventuale assunzione a tempo indeterminato di tali dirigenti comporterebbe la conseguenza che una eventuale nuova amministrazione di diverso segno politico avrebbe dirigenti di fiducia della amministrazione contro la quale hanno svolto campagna elettorale. Ciò è un effetto dall’attuale legge ed è pertanto ammissibile e, peraltro, se tali dirigenti risultassero vincitori del concorso vorrebbe dire che sono stati i più bravi tra tutti i partecipanti. E’ evidente tuttavia che il problema delle selezioni in questi concorsi riveste estrema delicatezza e deve essere affrontato in maniera esemplare. In Consiglio Comunale era stato richiesto di conoscere i criteri di selezione e quelli di composizione delle commissioni raccomandando che non vi fossero esaminatori che in qualche modo avessero avuto rapporti, seppur anche solo istituzionali, con gli attuali dirigenti. A tale quesito sino ad oggi non è stata data risposta , ma è sicuro che l’opposizione tratterà questa vicenda non come una questione marginale alla vita politica della città ed è altrettanto sicuro che l’attenzione sarà altissima e non tollererà nessuna minima sbavatura rispetto alle linee di trasparenza ed imparzialità che dovranno governare la selezione. Per il momento prendiamo atto che persone che avevano superato gli esami per diventare dirigenti in altre amministrazioni, che avevano fatto domanda secondo quanto prevede la legge sulla mobilità del personale della pubblica amministrazione, non sono stati neppure in grado di superare un “colloquio su motivazioni, attitudini e professionalità utili e necessarie all’espletamento delle funzioni da svolgere” dando così il via libera ai concorsi.

7) inserito il da Uno che la sa lunga su certe cose

I rappresentanti del Gruppo Rinnovamento, Gruppo Loretoni, Gruppo Misto dovrebbero chiedere al sindaco di riferire in Consiglio sul "marchiano" conflitto di interesse esistente nonché la rimozione dalla Commissione del Sig. Silvestri. Già sarebbe qualcosa.... Inoltre, se proprio si vuol salvaguardare la trasparenza e la regolarità delle procedure di selezione, sarebbe il caso che la Procura e la Corte dei conti cominciassero ad indagare sin da subito.

8) inserito il da alessio

Speriamo che ai vigili non vinca "Roberto Benigni" che già la gestione è tutta na barzelletta...

9) inserito il da gallengo

SONO UNO DEI TANTI PARTECIPANTI AD UNO DEI 4 CONCORSI PER DIRIGENTI ED IN UN COMMENTO AD UN PRECEDENTE ARTICOLO AVEVO ESPRESSO LA MIA SPERANZA SULL'IMPARZIALITA' E SULLA CORRETTEZZA IN MERITO ALL'ESPLETAMENTO DEGLI STESSI, MA ALLA LUCE DEI FATTI (CONSIDERATO CHE IN UNO DEI 4 CONCORSI C'E' UN PALESE CONFLITTO D'INTERESSI-VEDI CONCORSO PER DIRIGENTE FINANZIARIO) NON POSSO FAR ALTRO CHE PRENDERE ATTO DELLA MIA INGENUITA' E RITORNARE DECISAMENTE SUI MIEI PASSI. LA STORIA NON CAMBIA MAI, QUESTA E' L'ENNESIMA RIPROVA DI UN'ITALIETTA EDIFICATA SULLE FURBATE! IL DOTT. CERQUIGLINI, CHE NON CONOSCO PERSONALMENTE, SONO CERTO CHE AVRA' TUTTO L'INTERESSE PERSONALE AFFINCHE' VENGA GARANTITA LA MASSIMA TRASPARENZA, IMPARZIALITA' E CORRETTEZZA SULL'ESPLETAMENTO DEL CONCORSO AL QUALE PARTECIPA POICHE' QUALORA DOVESSE RISULTARE VINCITORE OMBRE PESANTI NE OFFUSCHEREBBERO L'ESITO SE NON SARA' RIVISTA LA COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE. E' EVIDENTE CHE VI SIANO TUTTI I PRESUPPOSTI PER UN RICORSO AL TAR PERTANTO L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE FAREBBE QUINDI BENE A RAVVEDERSI IMMEDIATAMENTE ONDE SCONGIURARE TALE IPOTESI.

10) inserito il da Allibito dir poco

Il succo del comunicato dell'opposizione è a dir poco allucinante: se la prendono con la maggioranza che vuole mettere i "suoi" dirigenti, perché così facendo non potranno mettere i loro (il sig. L.?) in un eventuale futuro. Anche per i signori della minoranza il merito è come gli interni in pelle, un optional

11) inserito il da Mail postata da: Carlo Petrini, David Militoni, Gruppo Pdl Spoleto

La situazione di confusione che si sta generando giorno dopo giorno in comune rischia ancora di più di coprire di ridicolo la nostra Amministrazione che non sembra cosi' trasparente come vuole sembrare sotto questo punto di vista. Rivendicazioni dei dipendenti a parte , di cui ci siamo occupati in precedenza, non possiamo non ricordare l'episodio delle date sovrapposte per le selezioni di vari “esperti” su cui fortunatamente e' stata fatta in tempo retromarcia. Ora i dubbi vengono fuori anche riguardo alla selezione per 4 posti di dirigente a tempo indeterminato cui hanno partecipato anche alcuni dirigenti del Comune di Spoleto. L'interrogativo sui criteri di trasparenza ed equilibrio che ci corre d'obbligo esplicitare riguarda in particolare la selezione per dirigente economico -finanziario e sviluppo. Alcuni candidati hanno creduto di poter intravedere un potenziale conflitto d'interessi tra il ruolo che il Dott. Cerquiglini ricopre all'interno della macchina comunale e la sua partecipazione alla selezione in oggetto. Nulla di personale contro Cerquiglini tuttavia non abbiamo potuto fare a meno di notare che nella commissione giudicante è presente in qualità di esperto esaminante il Dott. Silvestri , Vice Segretario Generale al Comune di Gubbio e attuale Direttore Scientifico S.I.P.A. Ma cos'è la SIPA ? Forse c'è uno sbaglio? Si tratta della S.E.P.A? Ovvero la scuola eugubina di pubblica amministrazione istituita nel 2002 con scopi formativo-professionali e nel cui siede nel consiglio direttivo anche il nostro Direttore generale del Comune, nonché partecipante al Bando per dirigente economico-finanziario Angelo Cerquiglini? Ma chi è il direttore di questo organismo ? Il Dott. Gabriele Silvestri che citavamo prima in qualità di esperto nella commissione giudicante. Abbiamo preso un abbaglio ? Forse. Ne chiederemo conto con specifica interrogazione urgente.

12) inserito il da Amleto

Alcuni dubbi amletici: Perchè mai il DG dovrebbe essere interessato ad un posto di livello inferiore e con stipendio di meno della metà? Se il DG vince il concorso che fa, si dimette da DG per diventare dirigente semplice? O si dimette da dirigente semplice per restare DG? E in quest'ultimo caso, perchè avrebbe fatto il concorso? Se il DG vince, come ci convince che non ha barato? Se il DG non vince, vuol dire che il Comune individua ufficialmente un dirigente di migliore preparazione professionale dell'attuale DG; non sarebbe quindi giusto sostituire l'attuale DG con uno ufficialmente più bravo?

13) inserito il da Sig nessuno

Un dirigente é un funzionario che ha competenze elevate e caratterialità adatte al ruolo di comando. Un dirigente però deve anche indirizzare le arre che dirige verso gli obbiettivi che la giunta gli indica. Non é un tecnico puro, ma necessariamente deve avere anche significative capacità elaborative che lo collocano inevitabilmente entro una ideologia politica di riferimento. Come può organizzare ed operare col settore che dirige per raggiungere obbiettivi politici che potrebbe non condividere? Quale il limite tra lealtà verso i suoi referenti politici e la propria coscienza di persona istruita ? come può un uomo di destra o di sinistra esser leale verso i suoi referenti politici di segno opposto ? Io credo che i dirigenti pubblici debbano essere persone di riconosciuta competenza e debbano anche esser scelti di volta in volta dalla giunta che ha vinto le elezioni. Chi vince le elezioni quindi dovrebbe avere il potere di nominare i “dirigenti = consulenti” apicali di cui si fida. Terminata la legislatura il consulente esterno che ha svolte le funzioni di dirigente può esser riconfermato dalla successiva amministrazione o sostituto. In pratica si dovrebbe sostituire la figura di dirigente comunale con un’altra di consulente a tempo che come ogni dirigente di azienda industriale può esser sostituito in 24 ore. Il comune di Spoleto sarebbe il primo comune d’Italia che avrebbe dirigenti amovibili in tempo reale se non rispondessero alle aspettative della giunta e sicuramente leali essendo stati scelti anche per affinità ideologiche. Non credo che il costo sarebbe maggiore e anche s fosse così vuoi mettere una persona motivata con una inamovibile per legge anche se pur avendo superato brillantemente il concorso non avesse alcuna voglia di lavorare o fosse inadatto caratterialmente al ruolo?

14) inserito il da Mirko

@ Gruppo Rinnovamento, Gruppo Loretoni, Gruppo Misto @ Carlo Petrini, David Militoni, Gruppo Pdl Spoleto Ci si stupisce come se si mettesse una mano nel fuoco e, sorprendentemente, ci si brucia. Ma come si spiegano i signori che chiedono trasparenza, le modifiche fatte solo ai loro occhi, al regolamento degli uffici e dei servizi, (tale documento si vota in Consiglio comunale)con cui sono stati aumentati i punteggi relativi ai periodi lavorati nella P.A. tali punteggi, aumentati ad arte, hanno fatto si che chi lavorasse già in Comune avesse una via privilegiata nella partecipazione ai concorsi pubblici. Sotto i loro occhi sono stati assunti tutti i precari partecipando ad un concorso ad personam, e sicuramente verranno assunti tutti gli altri 9 precari che già lavorano nell'ente. Se, veramente si voleva fare una seria azione di controllo, perchè non si assistito alle prove orali di tali concorsi? Sono pubbliche. Ci si stupisce ora per i dirigenti, ma per favore..... e come se ci si stupisse per come si viene assunti in banca..... è tutto uno squallore
Inserisci un commento

* Campi obbligatori

È consentita una limitata possibilità di formattazione del testo dei commenti: è possibile inserire link e collegamenti ipertestuali esterni, saranno riconosciuti automaticamente.

 
 

© TUTTOGGI.INFO – Edizioni SYN-MEDIA Srl (P.IVA 02965540541)

Iscrizione al Registro per la Pubblicazione di Giornali e Periodici del Tribunale di Spoleto n. 05/2007 del 18/09/2007

Iscrizione al ROC n. 22904 – CREDITS

Direttore Editoriale: Leonardo Perini (tel. 333.6297471)

Direttore Responsabile: Carlo Ceraso (tel. 349.8943908)

Vice Direttore Responsabile: Sara Cipriani (tel. 333.6297478)