Adisu, Ferrucci è nuovo amministratore unico | Nuove funzioni all’ente

Adisu, Ferrucci è nuovo amministratore unico | Nuove funzioni all’ente

Assessore Bartolini, “inizia la nuova era dell’agenzia per il diritto allo studio universitario”

Il professor Luca Ferrucci, attuale commissario straordinario dell’Adisu, è stato nominato nuovo amministratore unico dell’Agenzia per il diritto allo studio universitario. La Giunta regionale, infatti, su proposta dell’assessore all’istruzione ed università, Antonio Bartolini, ha deliberato la proposta che ora dovrà essere formalizzata con un Decreto della Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini. Professore Ordinario di Economia e Management delle Imprese presso il Dipartimento di Economia, Luca Ferrucci rimarrà in carica per un triennio, prorogabile per ulteriori due comunque non eccedenti lo spazio temporale della legislatura regionale

Con questa nomina e con la contemporanea costituzione del Comitato di Indirizzo si avvia concretamente il nuovo percorso e la nuova ‘mission’ dell’Agenzia, così come previsto dalla legge regionale approvata nel marzo scorso. Il professor Ferrucci, che dallo scorso agosto 2016, ha rivestito il ruolo di commissario straordinario, non solo è in possesso di elevate competenze in materia di organizzazione e amministrazione nonché di elevata professionalità rispetto alle funzioni da svolgere, maturate sia in ambito pubblico che privato, ma ha dimostrato in questo anno di attività di essere la figura migliore che possiamo mettere in campo in questo delicato settore, anche alla luce delle nuove competenze che la stessa legge ha affidato all’Adisu.

Adisu – ha sottolineato l’assessore Bartolini già oggi è agenzia modello, assicurando il 100 per cento dell’erogazione di borse di studio, ma in virtù della nuova legge regionale approvata nel marzo scorso legge vuole fare di più.  Ad esempio promuovere l’internazionalizzazione del sistema universitario anche per quanto riguarda l’accoglienza e connettere il diritto allo studio con il lavoro, grazie anche alle misure previste dalla programmazione europea”. “Ci sono norme per consentire il raggiungimento dei gradi più alti degli studi da parte degli studenti capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, nonché di favorire il conseguimento del successo negli studi da parte della generalità degli studenti. Con le modifiche apportate inoltre si fa più stringente la finalizzazione verso l’obiettivo del lavoro, con l’impiego di risorse europee per gli apprendistati di terzo livello, vale a dire i dottorati, gli assegni di ricerca e i servizi dell’impiego. Utilizzando le risorse disponibili, fra cui quelle del Fondo sociale europeo, si prevede la gestione di procedure dirette a finanziare la mobilità internazionale e la rete dei servizi per l’impiego”.

Fra le nuove funzioni – sottolinea l’assessore – vi è ‘Umbria Academy’, per la promozione sul piano nazionale ed internazionale dell’offerta formativa dell’istruzione universitaria e terziaria regionale. Altro aspetti importanti sono sicuramente la previsione di accesso ai rifugiati ai percorsi di formazione e di servizi di edilizia residenziale e per la ristorazione a favore degli studenti universitari. Infine è stata istituita la figura del Garante del diritto allo studio degli studenti, per far partecipare gli studenti stessi al controllo sulla qualità dei servizi.  Viene previsto l’ampliamento delle funzioni dell’Agenzia. All’Adisu vengono attribuiti importanti compiti basati sull’alta formazione e sulla ricerca, con l’obiettivo di supportare tutte le eccellenze che, anche in Umbria, si affacciano sul mondo.

All’Agenzia è affidata la gestione delle procedure dirette a finanziare dottorati ed assegni di ricerca mediante l’utilizzo di tutte le fonti di finanziamento disponibili ed il coinvolgimento dei diversi settori produttivi regionali. Il Programma operativo regionale (POR) del Fondo sociale europeo (FSE) prevede nel periodo 2014-2020 importanti risorse per l’attivazione di dottorati e assegni di ricerca. L’Adisu può quindi svolgere un ruolo importante nella gestione di queste azioni che sono inserite nell’ambito delle politiche regionali di sviluppo. L’Agenzia potrà gestire le procedure dirette a finanziare la mobilità internazionale dei ricercatori, previste nella programmazione comunitaria e la realizzazione, in collaborazione con le Università, la rete dei centri per l’impiego, gli ordini professionali e le associazioni di categoria, di attività di orientamento e informazione volte ad assicurare il più stretto raccordo tra istruzione universitaria e terziaria e mercato del lavoro.

All’Adisu è stata anche affidata la gestione degli interventi in materia di apprendistato di alta formazione e di ricerca. L’Agenzia fornirà quindi un supporto qualificato per l’incentivazione dell’apprendistato dell’alta formazione e della ricerca stessa presso il sistema delle imprese, oltre a svolgere la funzione nodale di coordinamento dei soggetti interessati alla materia con attività finalizzate da un lato a promuovere questo istituto contrattuale presso le imprese e dall’altro a garantire un puntuale e qualificato supporto a studenti e dottorandi universitari. Rispetto ai servizi dedicati agli studenti, viene previsto un contratto di servizio attraverso il quale l’Agenzia si impegna a garantire la tempistica, la continuità e gli standard qualitativi nell’erogazione dei servizi salvaguardando il diritto allo studio dello studente.

Sarà anche rafforzato il ruolo della conferenza permanente Regione-Università che, oltre ad esprimere il parere sulla proposta di Piano triennale, potrà formulare anche ulteriori proposte. L’Adisu potrà svolgere infine specifiche attività sulla base di accordi di programma con altri soggetti, eventualmente avvalendosi di personale delle Università, che a loro volta potranno utilizzare personale dell’Adisu per la gestione degli interventi a loro affidati”. La giunta regionale, sempre su proposta dell’assessore Bartolini, nella stessa seduta ha anche individuato, quali propri rappresentanti in seno al Comitato di Indirizzo dell’ADiSU il Dott.Francesco Alvi e l’Ing. Giovanni Cinti, che vanno ad aggiungersi ai componenti designati dall’Assemblea legislativa, ed ai rappresentanti dell’ Università degli Studi di Perugia, dell’Università per Stranieri di Perugia, degli istituti di grado universitario aventi sede legale in Umbria designato d’intesa tra gli stessi e dai rappresentanti degli studenti eletti nella Commissione di garanzia degli studenti

Stampa